Google e il machine learning applicato al testo

Google e il machine learning applicato al testo

Cloud Natural Language e Cloud Speech due nuove API basate su funzioni di machine learning



Come ha piú volte sottolineato Eric Schmidt, presidente esecutivo di Google, il machine learning o apprendimento automatico, è una delle aree sulle quali si stanno maggiormente concentrando gli investimenti del colosso di Mountain View.

La gran parte delle applicazioni Google utilizza già la Cloud Machine Learning Platform: si pensi alla casella di posta Inbox (Google Inbox risponde automaticamente alle email), all'app Google Foto (con la classificazione automatica delle foto e la ricerca per immagini), alla ricerca vocale, a Google Translate e così via.

Con la Cloud Machine Learning Platform, quindi, gli sviluppatori possono arrivare ad utilizzare nelle proprie applicazioni quelle stesse tecniche di deep learning che sono già state da tempo abbracciate e via a via affinate da Google. Il programmatore potrà quindi allestire reti neurali e far leva sulle risorse computazionali del colosso di Mountain View per svolgere elaborazioni complesse tese ad emulare il comportamento del cervello umano.


Google ha ora lanciato due nuove API, Cloud Natural Language e Cloud Speech, basate, appunto, su funzioni di machine learning. 

Le due nuove interfacce applicative sono per ora in versione “open beta”, sebbene Google le abbia già testate ampiamente, grazie alla collaborazione di diverse aziende, e soprattutto sviluppatori, che le hanno impiegate nei loro prodotti.


Cloud Natural Language, è una funzione per la comprensione del linguaggio naturale: permette di interpretare la struttura e il significato di un testo in varie lingue, con il supporto iniziale di inglese, spagnolo e giapponese.

Tre i punti forti dell’API: Syntax Analysis per l’identificazione sintattica della struttura e del significato di un testo, Sentiment Analysis per la comprensione del sentiment complessivo di un testo, Entity Recognition per il riconoscimento degli elementi più rilevanti delle frasi.

Immaginatevi quante sono le possibili applicazioni! Google cita quelle di marketing digitale e verifica del supporto clienti. Ma la API è stata già testata in un marketplace online.

 

Cloud Speech permette la conversione speech-to-text (da voce a testo) in oltre 80 lingue, sia per app che per dispositivi IoT, con la stessa tecnologia di riconoscimento vocale di Google Search e Google Now. 
Tra le funzioni principali dell’API ci sono: l'Asynchronous Calling e Word Hints. La prima permette di gestire le chiamate asincrone che rendono più veloce e facile lo sviluppo di app che si attivano con la voce.

Grazie a Word Hints, inoltre, quando si richiama l’API è possibile inserire suggerimenti di parole o frasi legate al contesto per migliorarne il riconoscimento: molto utile sia per impartire comandi che per aggiungere nuovi termini.

 
 
Janeth Kent

Janeth Kent

Licenciada en Bellas Artes y programadora por pasión. Cuando tengo un rato retoco fotos, edito vídeos y diseño cosas. El resto del tiempo escribo en MA-NO WEB DESIGN END DEVELOPMENT.

 
 
 

Articoli correlati

Google Maps: i migliori trucchi per padroneggiare l'applicazione in Android

Le numerose funzionalità e opzioni disponibili su Google Maps potrebbero farvi pensare che sia un'applicazione difficile da gestire, ma nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Google ha sviluppato uno…

Come salvare automaticamente le foto di WhatsApp su Google Photos

Google Photos, il sistema di cloud storage di Mountain View, è uno dei servizi di maggior successo perché è gratuito e non ha limiti di spazio, ma impone una qualità…

Un'estate pessima per Internet

Se in queste ultime settimane avete avuto la sensazione che che l'universo digitale stesse implodendo, non eravate soli. Nell'ultimo mese ci sono state diverse ed importanti interruzioni  e malfunzionamenti della rete, che…

Google Docs permette ora di confrontare due documenti

Google sta aggiungendo una caratteristica interessante a Google Docs che renderà più facile lavorare con più versioni. La nuova funzione consente di confrontare due documenti evidenziandone le differenze. Per fare questo,…

Come ottimizzare i contenuti "Articoli per te" e le Cards di Google

Chartbeat ha condiviso alcuni dati interessanti in un articolo scritto da NiemanLab nel quale si segnala che il traffico generato dalla funzione "Articles for You" o "Articoli per te" di…

Convertire il testo in voce e viceversa con Javascript: tutorial+codice

In questo tutorial sperimenteremo la Web Speech API: un'interfaccia browser molto potente che consente di registrare la voce umana e convertirla in testo. La useremo anche per fare il contrario: interpretare…

Ultimi cambi nell'algoritmo di Google #4

Siamo arrivati al nostro ultimo post inerente ai cambi effettuati da papà Google negli ultimi anni. Concludiamo questa serie di post, con la promessa di aggiornarvi ogni qual volta Google introduca cambi…

Ultimi cambi nell'algoritmo di Google #3

Eccoci al terzo appuntamento dedicato allo studio dei cambiamenti che hanno rivoluzionato il mondo della ricerca online. Questo mese sono state affettuate alcune importanti modifiche. NOVITÀ 18 nov 2015 – Ottimizzazione per dispositivi mobili 2…

Come attivare la nuova interfaccia di Google Plus manualmente

Poche ore fa Google Plus ha presentato un nuovo design cui principali protagonisti saranno le Community, cosa renderà molto più facile per gli utenti inviare, ricercare, connettersi e altro ancora,…

Per un social media marketing di successo: risorse e strumenti

Sappiamo benissimo che, per ottenere successo nel web occore focalizzarsi su determinte attività: - studiare come agiscono gli individui di successo nella nicchia di interesse - incrementare le abilità nella scrittura e…

Ultimi cambi nell'algoritmo di Google #2

La necessità per qualsiasi azienda di essere presente online è diventata sempre più pressante, con la conseguenza dell'incremento esponenziale della concorrenza e della competizione. Le potenzialità di ottenere un ROI…

Ultimi cambi nell'algoritmo di Google #1

NOVITÀ 26 oct 2015 – Google svela RankBrain 6 oct 2015 – Ritocco dell' algoritmo contro lo spam. 2 oct 2015 – Il lancio di Panda 29/v4.2 è molto vicino. 30 sep 2015 – Nuova spinta ai rankings grazie alle…

Utilizziamo i nostri cookie e quelli di terzi per migliorare i nostri servizi, compilare informazioni statistiche e analizzare le vostre abitudini di navigazione. Questo ci permette di personalizzare i contenuti che offriamo e di mostrarvi le pubblicità relative alle vostre preferenze. Cliccando su "Accetta tutto" acconsentite alla memorizzazione dei cookie sul vostro dispositivo per migliorare la navigazione del sito web, analizzare il traffico e assistere le nostre attività di marketing. Potete anche selezionare "Solo cookies di sistema" per accettare solo i cookies necessari al funzionamento del sito web, oppure potete selezionare i cookies che desiderate attivare cliccando su "Impostazioni". Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)" o "Rifiuta".

Accetta tutti Solo cookies del sistema Configurazione