Ecco cosa dicono i tuoi mi piace sui social media

Un gruppo di ricercatori ha sviluppato un modello in quattro categorie alle quali sono associate a specifiche caratteristiche della personalità.

by Janeth Kent Date: 27-06-2023 socialmedia social

I social network sono diventati una presenza molto diffusa nella vita quotidiana della maggior parte delle persone, e sembra che rimarranno tali per un lungo periodo di tempo. Adesso, i ricercatori della Washington University di St. Louis, negli Stati Uniti, hanno sviluppato un modello che suggerisce che il modo in cui utilizziamo i social network influenzi i nostri desideri e le nostre preoccupazioni emotive.

Il modello, chiamato "Social Media Use Scale" (Scala dell'utilizzo dei social media), è il risultato di una vasta serie di ricerche che hanno prodotto risultati contrastanti e spesso contraddittori riguardo all'impatto dell'utilizzo dei social network sul benessere psicologico degli utenti.

A causa di tali risultati contraddittori, gli esperti hanno promosso una ricerca che esaminasse in modo più dettagliato l'utilizzo dei social network.

"Abbiamo condotto una serie di studi per comprenderne la struttura", spiega Renee J. Thompson, coautrice dello studio.

I ricercatori hanno identificato quattro modalità attraverso cui le persone utilizzano i social network, le quali sono le seguenti:

1. Categoria basata sulle convinzioni: Questa categoria comprende tutte le attività sui social network che esprimono e rafforzano opinioni negative. L'utilizzo basato sulle convinzioni è associato a un minore benessere psicologico, a una maggiore depressione e alla ricerca di contenuti emotivamente disturbanti. Gli utenti basati sulle convinzioni possono mostrare una scarsa capacità di autocontrollo e tendono ad evitare la noia abbracciando il dramma.

2. Categoria basata sul consumo: In questa categoria, i social network vengono utilizzati principalmente per consumare contenuti di intrattenimento. Questa modalità è associata a un maggiore benessere emotivo, a un'autostima e a un'estroversione più elevate, nonché a una minore depressione. L'utilizzo basato sul consumo è caratterizzato dal piacere derivante dai social network e dalla ricerca di contenuti che suscitano gioia.

3. Categoria basata sull'immagine: Questa categoria comprende azioni che aiutano gli utenti a creare un'immagine sociale positiva, come pubblicare cose positive su se stessi o controllare il numero di "mi piace" o commenti ricevuti su un post. Questa modalità è associata al desiderio di mettersi in mostra e di impegnarsi in attività che rafforzano l'autostima e l'integrità.

4. Categoria basata sul confronto: Questa categoria riguarda le situazioni in cui le persone si focalizzano sul confronto con gli altri o con una versione idealizzata del proprio passato. Essa è associata a un minore benessere sociale ed emotivo, alla preoccupazione per l'aspetto fisico e alla paura di una valutazione negativa.

La maggior parte degli studi condotti sui social network fino ad oggi si è concentrata sulla misurazione della frequenza d'uso o sull'identificazione dei comportamenti attivi o passivi degli utenti. Tuttavia, secondo i ricercatori, questi approcci non erano sufficienti per spiegare come gli studenti universitari interagissero con tali piattaforme.

Nel primo studio condotto dai ricercatori, sono stati reclutati 176 studenti universitari e loro è stato chiesto di trascorrere tre minuti utilizzando un social network a loro scelta. Successivamente, i partecipanti hanno dovuto descrivere dettagliatamente cosa avevano fatto e se si erano divertiti nell'utilizzarlo.

"Questo è il primo studio ad adottare una scala dell'utilizzo dei social media basata su una risposta aperta, il che è importante poiché consente ai partecipanti di descrivere il loro utilizzo dei social media senza limitarsi a categorie predefinite come 'passivo' o 'attivo'", spiega Alison B. Tuck, autrice principale dello studio.

I ricercatori non si sono fermati qui, ma hanno condotto un secondo e un terzo studio coinvolgendo oltre 300 studenti universitari. In queste fasi successive, i partecipanti sono stati interrogati sulla frequenza con cui si impegnavano nelle attività di social networking identificate nel primo studio. Inoltre, hanno compilato un questionario online che valutava i tratti della personalità (come estroversione, apertura mentale, coscienziosità, gradevolezza ed emotività negativa) e le caratteristiche comportamentali (come paura di una valutazione negativa, autostima, depressione, ansia sociale, bisogno di approvazione, bisogno di drammaticità, predisposizione alla noia, narcisismo espositivo e regolazione delle emozioni).

Utilizzando l'analisi fattoriale, una tecnica statistica che aiuta a identificare schemi comuni all'interno di ampi set di dati, i ricercatori sono riusciti ad individuare le quattro categorie di utilizzo dei social network: basato sulle convinzioni, basato sul consumo, basato sull'immagine e basato sul confronto. Ognuna di queste categorie è correlata a specifici tratti della personalità e comportamentali.

Il modello sviluppato dai ricercatori può essere utilizzato per analizzare il comportamento degli utenti su qualsiasi social network che consenta la creazione di profili, la connessione con altri utenti e la visualizzazione dello stato di online. Tra gli esempi citati vi sono Facebook, Twitter, Snapchat, Reddit, Instagram e TikTok.

Questo studio rappresenta un importante passo avanti nell'approfondimento della comprensione di come l'utilizzo dei social media influenzi il benessere psicologico delle persone. I risultati ottenuti possono essere utilizzati per sviluppare strategie mirate che promuovano un utilizzo più consapevole e positivo dei social network, con l'obiettivo di migliorare il benessere emotivo degli utenti.

 

Referenza: Tuck, A. B., & Thompson, R. J. (2023). The Social Media Use Scale: Development and Validation. Assessment, 0(0). https://doi.org/10.1177/10731911231173080

Image by rawpixel.com on Freepik

 
by Janeth Kent Date: 27-06-2023 socialmedia social visite : 696  
 
Janeth Kent

Janeth Kent

Licenciada en Bellas Artes y programadora por pasión. Cuando tengo un rato retoco fotos, edito vídeos y diseño cosas. El resto del tiempo escribo en MA-NO WEB DESIGN AND DEVELOPMENT.

 
 
 

Articoli correlati

L'effetto Dunning-Kruger, o il motivo per cui la gente da il suo parere su qualsiasi argomento senza averne la minima idea

L'effetto Dunning-Kruger può essere riassunto in una sola frase: meno sappiamo, più pensiamo di sapere. Si tratta di un pregiudizio cognitivo per cui le persone con meno capacità, abilità e…

Facebook contro l'Hate speech

Facebook prende le misure contro l'Hate speech, il cosiddetto "incitamento all'odio". Al via la campagna quindi, visto che è in gioco il business stesso del social network L’hate speech (incitamento all’odio) è…

Clicky