Un nuovo modello matematico per viaggiare nel tempo evitando paradossi temporali

Il modello matematico che afferma che è possibile tornare indietro nel tempo senza causare paradossi temporali

by Janeth Kent Date: 20-07-2022 news


Un nuovo modello matematico sostiene che è possibile tornare indietro nel tempo evitando paradossi temporali

Immaginate di avere una macchina del tempo con la quale poter effettuare un viaggio a ritroso nel passato o poter conoscere il nostro futuro.

In questo modo avresti la possibilità di viaggiare fino alla fine del 2019 per evitare lo scoppio della pandemia.

La tua missione consiste nell'incontrare il paziente zero, appena prima che venga infettato ed inizi a diffondere il virus.

Non male, vero?

Il problema è che un piccolissimo dettaglio potrebbe impedirvi di completare la missione.

È indubbio che alcune interpretazioni della fisica teorica affermano che il viaggio nel tempo sia possibile.

Einstein, ad esempio, era consapevole che le sue equazioni permettevano, in linea di principio, di viaggiare nel tempo.

Questa possibilità teorica, tuttavia, si scontra con quello che gli scienziati chiamano "paradosso", che renderebbe tale viaggio logicamente impossibile.

I paradossi di questo tipo sono una spina nel fianco per gli appassionati di viaggi nel tempo, tuttavia, una nuova ricerca sostiene che è possibile evitarli.

Cosa sono questi paradossi e perché questo nuovo studio sostiene che è possibile evitarli?

 

Il paradosso del nipote che uccide il nonno

 

Per capire cosa sia un paradosso, torniamo alla storia della pandemia.

Se si viaggia indietro nel tempo e si impedisce al paziente zero di essere infettato, si crea immediatamente un paradosso.

In altri termini, se si riuscisse a fermare l'inizio della pandemia, oggi non ci sarebbe una pandemia, quindi non si avrebbe motivo di viaggiare indietro nel tempo, per cui non ci sarebbe la necessità di viaggiare indietro nel tempo e non si riuscirebbe a fermare lo scoppio della pandemia.

Questo è il paradosso, un ciclo infinito che crea un'incongruenza logica e distrugge l'illusione di viaggiare nel tempo.



viaggi nel tempo - paradossi
 

Esistono molti paradossi, ma questo è uno dei più famosi:

È stato chiamato "paradosso del nonno", perché la sua versione originale prevede uno scenario in cui un nipote viaggia indietro nel tempo per uccidere il nonno prima di avere il padre.

Il problema è che se uccide il nonno, il viaggiatore non potrà mai nascere.

Se non può nascere, non può viaggiare nel tempo, quindi nemmeno il viaggio nel tempo sarebbe possibile.

 

Evitare il paradosso

 

Sono stati proposti diversi esercizi mentali per risolvere questo paradosso, ma recentemente, due ricercatori australiani hanno proposto una soluzione matematica per evitarlo.

I ricercatori hanno voluto analizzare il comportamento della dinamica di un corpo, cioè il suo movimento nello spazio-tempo, quando entra in un ciclo di viaggio a ritroso.

Per farlo, hanno creato un modello matematico con il quale hanno calcolato che un "agente" che entra in un ciclo di viaggio nel passato può prendere strade diverse senza alterare l'esito delle sue azioni.

Il loro esercizio astratto mostra che diversi agenti possono comunicare nel passato e nel presente, senza una relazione di causa ed effetto.

Ciò significa che "gli eventi si autoregolano, di conseguenza ci sarà sempre un'unica soluzione coerente e valida", spiega Germain Tobar, studente di fisica all'Università del Queensland e autore dello studio, supervisionato dal professor Fabio Costa, filosofo e fisico teorico.



viaggi nel tempo - paradossi


 

Che cosa significa?

 

Tornando all'esempio della pandemia, lo studio dice che se si tornasse indietro nel tempo si potrebbe fare quello che si vuole, ma sarebbe impossibile cambiare l'esito degli eventi.

In altre parole, si avrebbe il libero arbitrio, ma non si potrebbe impedire lo scoppio della pandemia.

Potrebbe accadere, ad esempio, che mentre si sta cercando di fermare il paziente zero, qualcun altro, venga infettato o addirittura se stessi.

Secondo il modello di Tobar, i fatti più rilevanti verrebbero costantemente calibrati per evitare qualsiasi incongruenza (paradosso) e quindi arrivare sempre allo stesso risultato, in questo caso l'inizio della pandemia.

 

Capire l'universo

 

Lo studio di Tobar è applicabile solo astrattamente nel campo della matematica.

"È un lavoro interessante", spiega Chris Fewster, professore di matematica all'Università di York, che studia i modelli di viaggio nel tempo.

Fewster, tuttavia, avverte che ora "resta da vedere se le condizioni astratte che hanno imposto (gli autori) siano soddisfatte all'interno delle teorie fisiche attualmente conosciute".

Tobar dice che è proprio questa la sfida che devono affrontare ora: testare il loro modello in un ambiente fisico.

Per ora, anche se il loro lavoro è lontano dal rendere il viaggio nel tempo una realtà, Tobar dice che è un passo avanti verso una migliore comprensione delle leggi che governano l'universo.

 
by Janeth Kent Date: 20-07-2022 news visite : 418  
 
Janeth Kent

Janeth Kent

Licenciada en Bellas Artes y programadora por pasión. Cuando tengo un rato retoco fotos, edito vídeos y diseño cosas. El resto del tiempo escribo en MA-NO WEB DESIGN END DEVELOPMENT.

 
 
 

Articoli correlati

Facebook, WhatsApp, Instagram e Messenger sono tutti DOWN

Una notizia che sarà sicuramente accolta calorosamente al quartier generale di Twitter: Facebook, Instagram, WhatsApp e Messenger sono caduti tutti. Un blackout globale. Secondo il sito DownDetector, decine di migliaia di…

Come ridurre il consumo di memoria in Chrome

Google ha iniziato a testare una nuova funzione chiamata "Tab Freeze" che mira a ridurre il consumo di memoria in Chrome. Ed è interessante, perché il browser ormai consuma parecchie…

Siamo governati dagli algoritmi?

Siamo governati dagli algoritmi Non passa un minuto senza che una macchina decida parte del nostro futuro. Non stiamo parlando solo di libri o film raccomandati: gli algoritmi oggigiorno decidono il…

Google Chrome nasconde WWW e HTTPS dalla barra degli indirizzi

Non è la prima volta che succede, ma sembra che Google sia tornato per l'ennesima volta sui suoi passi... Qualche tempo fa, aveva deciso di nascondere parti dell'URL nella barra degli…

Hackerata la banca dati del controllo frontaliero degli Stati Uniti

Al controllo frontaliero di ogni paese vengono effettuati controlli costanti che monitorano le persone che entrano e escono, e in molti casi vengono scattate fotografie dei volti di quest ultimi, che…

Google Docs permette ora di confrontare due documenti

Google sta aggiungendo una caratteristica interessante a Google Docs che renderà più facile lavorare con più versioni. La nuova funzione consente di confrontare due documenti evidenziandone le differenze. Per fare questo,…

Google dice addio alle parole chiave nei contenuti

Per lungo tempo gli specialisti SEO hanno insistito, a ragione, sull'importanza della parole chiave, tant'é che a volte si arrivava ad un vero e proprio abuso di quest'ultime e si…

Google e il machine learning applicato al testo

Come ha piú volte sottolineato Eric Schmidt, presidente esecutivo di Google, il machine learning o apprendimento automatico, è una delle aree sulle quali si stanno maggiormente concentrando gli investimenti del colosso di…

Come attivare la nuova interfaccia di Google Plus manualmente

Poche ore fa Google Plus ha presentato un nuovo design cui principali protagonisti saranno le Community, cosa renderà molto più facile per gli utenti inviare, ricercare, connettersi e altro ancora,…

Sherpa Next sfida Siri e Google Now

Il prossimo 11 Giugno, il team di Sherpa, lancerà sul mercato Sherpa Next, una nuova e rivoluzionaria (cosí si presenta) applicazione per i dispositivi Android, pronta a dichiarare guerra a…

4 alternative a google calendar

Sebbene Google Calendar sia utilissimo per gestire in maniera semplice ed efficace tutti i nostri appuntamenti, compleanni, eventi ecc ecc, non è lo uno strumento piú completo che ci offre…

RIP Google Reader: la storia dei servizi dismessi da Google

Oggi lunedì 1 Luglio 2013 sarà una data da ricordare nella storia del web perché Google Reader sarà definitivamente chiuso e smetterà di funzionare come un aggregatore di feed RSS. Da…

Utilizziamo i nostri cookie e quelli di terzi per migliorare i nostri servizi, compilare informazioni statistiche e analizzare le vostre abitudini di navigazione. Questo ci permette di personalizzare i contenuti che offriamo e di mostrarvi le pubblicità relative alle vostre preferenze. Cliccando su "Accetta tutto" acconsentite alla memorizzazione dei cookie sul vostro dispositivo per migliorare la navigazione del sito web, analizzare il traffico e assistere le nostre attività di marketing. Potete anche selezionare "Solo cookies di sistema" per accettare solo i cookies necessari al funzionamento del sito web, oppure potete selezionare i cookies che desiderate attivare cliccando su "Impostazioni". Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)" o "Rifiuta".

Accetta tutti Solo cookies del sistema Configurazione