Le Pagine Su Facebook con Foto Di Bimbi Malati Sono Una Truffa

Le pagine su Facebook con foto di bimbi malati sono una truffa

La stragrande maggioranza delle richieste di AMEN sono false

by Janeth Kent Date: 24-02-2017 internet virus hacking pishing facebook


Se su Facebook qualcuno ti chiede un "Mi piace" o di scrivere "Amen" nei commenti per solidarizzarti con un bambino malato di cancro, e poi ti assicurano che se si condivide la pubblicazione, 1 Euro sarà devoluto per curare i malati, ebbene sì, si tratta di una truffa in cui milioni di persone cadono. Ecco come funziona.

Lo scopo di queste pagine che sono presumibilmente di solidarietà è semplicemente quello di fare soldi a scapito di persone ingenue. Un caso recente ha mostrato le immagini di un bambino con la descrizione "questa piccola ha il cancro" e la promessa che Facebook avrebbe fatto donazioni finanziarie per finanziare il suo intervento chirurgico se gli utenti avessero cliccato su "Mi piace" e lasciato commenti.

Più di un milione di persone hanno condiviso la pubblicazione nel corso del mese di febbraio. Centinaia di migliaia hanno cliccato "Mi piace" o hanno aggiunto altre reazioni.

Un'indagine della BBC ha alla fine scovato il bambino: Jasper Allen, di tre anni. La madre ha spiegato che le immagini sono state scattate lo scorso anno quando il figlio ha subito una grave forma di varicella. Ora stanno circolando su Internet sotto la falsa promessa di curare un cancro che chiaramente non ha.

Gli amministratori di Facebook hanno disattivato l'account che ha rubato le immagini, ma da qualche giorno é stato attivato un nuovo account. Mentre le foto di Allen sono state eliminate, ci sono altre pubblicazioni con bambini malati di cancro che sono altrettanto false. La BBC ha elencato una manciata di queste immagini e ha rivelato la loro vera origine. Le immagini mostrano:

  • Una bimba di tre anni in Inghilterra, che è rimasta ferita in un incidente stradale nel 2015. L'immagine appartiene ai loro genitori.
  • Un ragazzo adolescente del Texas in coma per meningite virale. La sua famiglia aveva lanciato una campagna di crowdfunding per pagare per il suo trattamento.
  • Una ragazza del Texas con progeria, una malattia che causa l'invecchiamento precoce. Sua madre aveva fatto un blog sulla sua vita.
  • Una ragazza della Pennsylvania che aveva bisogno di una operazione di onfalocele, un difetto di nascita nel suo addome. I suoi genitori avevano condiviso le foto del suo intervento chirurgico su Internet.
  • 0 Un bambino della Florida che è morto dopo essere nato con un difetto del diaframma. L'immagine era apparsa sulla stampa locale.

Questo account di Facebook ha anche diverse immagini di bambini morti nelle loro bare che minacciano gli utenti con "76 anni di sfortuna" se se ne vanno senza dare un "Mi piace" o condividere.

Il fondatore di Facecrooks, un sito web che denuncia le truffe e altre attivitá poco delittive in Facebook, crede che la maggiorparte di utenti sanno che queste minacce non sono reali. “Il buon senso ti dice che non è vero, ma poi nella loro mente pensano: E se fosse vero? Che problema ho a cliccare un semplice mi piace?”

Tuttavia, così facendo, ci si espone a un rischio ben maggiore. I creatori di queste pagine accumulano milioni di seguaci in Facebook e quindi svuotano il contenuto della pagina e promuovono, ad esempio, i prodotti di una società che paga per la pubblicità. O direttamente vendono nei forum informazioni riservate sull'utente oppure condividono links falsi contenenti programmi con virus che possono prendere il controllo dei pc e telefoni degli utenti. Quest'ultimo caso è particolarmente pericoloso per l'utente.

Queste pagine di Facebook con molti seguaci sono l'ideale per il montaggio di una condivisione di links malevoli: pagine che puntano ad altri siti che pagano una tassa per quei link. Come dicevamo prima, nel peggiore dei casi, i link possono essere utilizzati per diffondere malware o phishing attacchi al fine di ottenere i dati personali degli utenti, come password o carta di credito.

"Possono chiedervi di partecipare ad un concorso e dirvi che avete vinto un premio e cercare di convincervi a dare il proprio numero di telefono e iscrivervi a un servizio premium, o chiedere ulteriori informazioni personali", ha spiegato un esperto di sicurezza informatica alla BBC..

In breve: la prossima volta che vedete un vostro contatto che mette "Amen" in un commento o dà "Mi piace" a una foto di un presunto bambino con il cancro, piuttosto che ridere della sua ingenuità, cercate di spiegargli il rischio a cui è esposto quando fa click su qualcosa di apparentemente innocuo.

 

 
by Janeth Kent Date: 24-02-2017 internet virus hacking pishing facebook visite : 3561  
 
Janeth Kent

Janeth Kent

Licenciada en Bellas Artes y programadora por pasión. Cuando tengo un rato retoco fotos, edito vídeos y diseño cosas. El resto del tiempo escribo en MA-NO WEB DESIGN END DEVELOPMENT.

 
 
 

Articoli correlati

Come sbloccare le funzioni nascoste del telefono con codici segreti

I dati di servizio supplementari non strutturati (USSD), sono un protocollo extra-UI, che permette alle persone di accedere a funzioni nascoste del telefono cellulare. Questo protocollo è stato originariamente creato…

UN MALWARE CHE SI SPACCIA PER CORONAVIRUS SI DIFFONDE ONLINE, SFRUTTANDO I TIMORI DI UN'EPIDEMIA GLOBALE

Gli utenti di Internet sono sempre più spesso bersaglio di malware che si spacciano per informazioni sanitarie sul nuovo coronavirus: gli hacker sfruttano la paura dell'epidemia per infettare i computer e…

Wi-Fi 6, il Wi-Fi orientato anche all'IoT

Nel terzo trimestre del 2019, la Wi-Fi Alliance ha finalmente deciso di rilasciare la nuova versione del protocollo Wi-Fi, innovativo sin dal nome. Infatti, se tutti gli standard precedenti avevano nomi pressochè…

E-mail truffa : We Have Installed One RAT Software

Gli attacchi di phishing, sono, nella loro forma più comune, delle email che cercano di convincere il destinatario a: condividere informazioni personali scaricare malware dannoso Una volta in possesso delle nostre credenziali, gli…

Un'estate pessima per Internet

Se in queste ultime settimane avete avuto la sensazione che che l'universo digitale stesse implodendo, non eravate soli. Nell'ultimo mese ci sono state diverse ed importanti interruzioni  e malfunzionamenti della rete, che…

Russia si scollega da Internet come parte di un esperimento

In Russia stanno conducendo un esperimento pianificato in cui sarà necessario scollegare il paese da internet, secondo alcuni media (tra cui l'agenzia di stampa russa RosBiznesKonsalting). Vogliono raccogliere informazioni per apportare…

Pupy: Un tool di Amministrazione Remota (RAT) Multipiattaforma

Pupy è uno script opensource, multipiattaforma (Windows, Linux, OSX, Android). Un tool di amministrazione remota multi funzione RAT (Remote Administration Tool) e strumento di post-sfruttamento scritto principalmente in Python. È…

The Black Book of Internet, un libro per iniziare con l'hacking etico

Oggi mettiamo a disposizione il download di un libro molto interessante, si tratta del Black Book of Internet, un'opera è stata sotto la licenza Creative Commons e liberamente redistribuibile. L’autore Stefano…

RIP Google Reader: la storia dei servizi dismessi da Google

Oggi lunedì 1 Luglio 2013 sarà una data da ricordare nella storia del web perché Google Reader sarà definitivamente chiuso e smetterà di funzionare come un aggregatore di feed RSS. Da…

Kim Dotcom accusa Google, Twitter e gli altri di violare il suo brevetto di verifica in due passi

Il fondatore di Mega denuncia la violazione su twitter annunciando che possiede il brevetto del sistema di sicurezza dal 1997. Questo brevetto venne dunque registrato prima che le autorità della Nuova…

Utilizziamo i nostri cookie e quelli di terzi per migliorare i nostri servizi, compilare informazioni statistiche e analizzare le vostre abitudini di navigazione. Questo ci permette di personalizzare i contenuti che offriamo e di mostrarvi la pubblicità relativa alle vostre preferenze. Cliccando su "Capito" acconsentite all'utilizzo di questi cookie. Potete anche IMPOSTAZIONE O SCONTINUARE l'installazione dei cookies cliccando su "Impostazioni" o "Rifiuta".

Accetta tutti Solo cookies del sistema Configurazione