Come Ottimizzare I Contenuti "articoli Per Te" E Le Cards Di Google

Suggerimenti per l'ottimizzazione dei contenuti



Chartbeat ha condiviso alcuni dati interessanti in un articolo scritto da NiemanLab nel quale si segnala che il traffico generato dalla funzione "Articles for You" o "Articoli per te" di Chrome (nota anche come "Chrome Content Suggestions") è aumentato del 2,100% in un anno, e sta generando ben 341 milioni di visite al mese.

Chartbeat afferma che questa caratteristica sotto-pubblicizzata, potrebbe essere il prossimo grande driver di traffico per gli editori.

Una nuova e sostanziale fonte di traffico è sempre una notizia gradita agli editori, soprattutto a coloro che hanno lottato per mantenere il traffico a seguito delle modifiche all'algoritmo di Facebook. Un aspetto che bisogna sottolineare subito, tuttavia, è che Articles For You  non è la quarta fonte più grande di traffico di riferimento in assoluto. Questa storia è stata ampiamente travisata nella comunità SEO: questo incremento è stato notato esclusivamente nei siti di che ricevono traffico per i contenuti degli articoli.

Se avete un sito B2B, e-commerce o altro e non producete articoli/contenuti, questa notizia probabilmente non è estremamente importante, ne avrete notato cambi rilevanti nel vostro traffico.

 

Come misurare il traffico degli "Articoli per te"


Nonostante la fonte precisa di questo traffico non sia del tutto chiara, è possibile ottenere un'infarinatura di quanto traffico si sta ricevendo dai suggerimenti di Google, isolando il traffico di Articles for You. Sappiamo per certo che il referrer per quella fonte apparirà in Google Analytics come:

https://www.googleapis.com/auth/chrome-content-suggestions

Poiché Articles for You utilizza principalmente AMP (circa il 72%), è qui che andremo a monitorare il traffico. Nel caso non usiate AMP, focalizzatevi sul traffico ricevuto da mobile.

Nel nostro caso, abbiamo usato Google Analytics e siamo andati su Acquisition > Referrals. Nella colonna Source cercate "googleapis.com".

Dovrebbe avere un aspetto simile a questo:

 

Una volta cliccato su googleapis.com, potrete vedere il resto del percorso di riferimento:

 

Questo vi indicherà quanto traffico otterrete dagli Articoli per voi,.

Ecco come abbiamo fatto per creare il segmento, "Chrome Content Suggestions": in modo da poterlo comparare ad altri report.

 

 

Come fa Google a determinare quali articoli suggerire?


Al principio, eravamo convinti  che i suggerimenti per gli articoli fossero basati sulle impostazioni di Google News.

Ha senso dopo tutto, dal momento che molti utenti di Google News si sono avevano specificato i loro interessi e le loro fonti preferite. Ma da quello che abbiamo poturo verificare poi, Google News non sembra avere un ruolo rilevante nei suggerimenti di contenuto.

Ciò che abbiamo trovato alquanto strano è il fatto che Google non sfrutti la tecnologia esistente, ma che invece si impegni a sviluppare altri metodi per far emergere contenuti di articoli personalizzati in parallelo con Google News.

Sintetizzando: al momento c'è parecchia ridondanza tra Google News e le funzionalità di scoperta dei contenuti di Google basate sull'IA.

Quindi, come fa Google a determinare cosa suggerire? Dalla nostra ricerca emergono due tipi principali di raccomandazioni di articoli:

 

Personalizzato: la cronologia di ricerca personale, Gmail e la geolocalizzazione sono tre delle fonti principali utilizzate per generare raccomandazioni personalizzate degli articoli. Google potrebbe certamente utilizzare altre fonti di dati, come praticamente tutto quello che si trova nelle "mie attività" (My Activity), ma le prime tre sono quelle che in questo momento fanno la differenza.


Trending: gli articoli di tendenza sono stati introdotti quando Google ha ritirato Google Now e l'ha sostituito con l'esperienza aggiornata dei Feed. Presumibilmente tutti vedono le stesse schede degli articoli di tendenza, ma non siamo ancora in grado di confermarlo ;-).

 

Poiché le raccomandazioni personalizzate sono basate sulla vostra attività in Google, si popoleranno automaticamente, senza bisogno di fornire input espliciti. Tuttavia, è possibile aggiungere interessi manualmente utilizzando le opzioni "Personalizza feed" all'interno di Google App. Facendolo, vedrete subito che qualsiasi modifica delle impostazioni apportate in Google App si rifletterà negli Articoli per voi , nelle Cards in Feed e nella stessa Google App.

 

Come si ottimizzano i suggerimenti per i contenuti?


Ora arriviamo alla domanda da un milione di dollari: come si ottimizza esattamente il contenuto per far si che entri nei suggerimenti di Google? Vi daremo delle dritte.

- Se non l'avete già fatto, implementate Google AMP, e assicuratevi che le vostre pagine siano prive di errori. L'AMP non è richiesto, ma dato che il 72% di questi risultati sono AMP, non è una cattiva idea cominciare a pensare di utilizzarlo...

- Le strategie e le tattiche specifiche per Google News, Top Stories, risultati QDF, funzioneranno anche in questo caso. La cosa tutti questi hanno in comune è che hanno un forte preferenza verso il contenuto recente, e non sono soggetti agli algoritmi influenzati dal link che sono importanti nei risultati organici di Google. Quindi, non aspettatevi che con la solita strategia SEO andrete a finire sui suggerimenti di Google.

- Focalizzatevi nell'ottenere più abbonati e-mail. Molti editori hanno dato la priorità a questo aspetto già nel 2018 nel tentativo di diventare meno dipendenti dalle grandi piattaforme. Gmail è una fonte significativa di dati di personalizzazione (c'è letteralmente un'impostazione "Cards based on your Gmail" nella Google App), ciò significa che, ottenere un link nelle caselle di posta in arrivo dei tuoi utenti potrebbe anche supporre trovarne di più nelle loro raccomandazioni personalizzate per gli articoli.

- Utilizzate un efficace markup di Schema.org a livello di articolo e formate i redattori affinchè possano utilizzarlo efficacemente per aiutare Google.

 

I Suggerimenti sui contenuti sono basati su cose, non su stringhe di testo


In definitiva quello che stiamo vedendo qui riflette la continua evoluzione di Google verso qualcosa che sembra più un assistente personale che uno strumento di ricerca. Continueremo a vedere un cambiamento in questo senso, dato che Google cerca di anticipare ciò che la gente vuole vedere, piuttosto che aspettare che la gente lo cerchi. Pensate all'evoluzione della SERP di Google finora:

1. 10 blue links
2. Ricerca universale
3. Funzioni di ricerca universali guidate dall'apprendimento e dalla personalizzazione delle macchine, applicazioni autonome e prodotti che anticipano le vostre esigenze.

 

Un'idea di ottimizzazione per testare le funzionalità di suggerimento dei contenuti


Con Schema.org, il Knowledge Graph, e gli argomenti come entità, vorremmo proporre un approccio che riteniamo sia valido. In poche parole:

Utilizzate i dati demografici e di interesse nei report di Google Analytics Audience per identificare nuovi argomenti e categorie che hanno maggiori probabilità di comparire nelle funzioni di suggerimento dei contenuti.

Ecco un esempio: diciamo che avete un sito che parla di finanza e che stiate scrivendo contenuti inerenti a degli investimento utilizzando delle parole chiave.

Applicando un segmento "Chrome Content Suggestions" (come abbiamo visto sopra) in Google Analytics e visualizzando i dati della categoria Affinity, potreste scoprire che la categoria di affinità numero 1 per il tuo pubblico che clicca su Articles for You links è Food & Dining/Cooking Entusiasts/30 Minute Chefs. Google sa già che a queste persone piace il vostro sito perché l'hanno già visitato prima.

Ció che vogliamo suggerire è di focalizzarsi sul pubblico quanto sull'argomento. Se avete un vasto pubblico di investitori che amano il vino e la cucina, assicuratevi di inserire nel vostro mix editoriale qualche articolo sul vino e sulla cucina. È possibile trovare categorie di affinità specificamente per gli utenti di Chrome Content Suggestion applicando quel segmento ai report di Google Analytics Audience e vedendo cosa rivela sul vostro pubblico.

L'industria pubblicitaria ha ricevuto un preavviso su questo trend anni fa; gli inserzionisti sono interessati al vostro pubblico, non ai vostri contenuti. Scrivere il contenuto che il vostro pubblico sta cercando è stato per anni lo scopo di un buon SEO.

Nel 2019, non si tratta più di trovare più parole chiave sotto un determinato argomento quanto di affrontare le esigenze del pubblico sulla base di interessi sia impliciti che espliciti.

Cosa hanno a che fare le "Entità" con questo?


Quando Google cerca di capire l'argomento dei tuoi articoli, quello che sta realmente facendo è mappare l'argomento del tuo articolo su un'entità nota nel Knowledge Graph. I risultati delle Cards in Google App forniscono alcune informazioni sulla mappatura delle entità, in quanto ogni raccomandazione di contenuto viene etichettata con un'entità nota nella parte superiore.

Dal momento che Google sta interpretando i nostri contenuti , cercando di abbinarli a un'entità nota nel Knowledge Graph per guidare raccomandazioni personalizzate, concludiamo che è un'ottima idea usare il markup di Schema.org.

 

 
by admin admin Date: 18-01-2019 google google cards Articles for you Chrome Content Suggestions seo visite : 1853  
 
 
 
 

Articoli correlati