Facebook Spiega Perchè Nessuno Legge I Post Delle Nostre Pagine Brand

L'Algoritmo EdgeRank: la causa dei filtri sui nostri wall

by Luigi Nori Date: 25-06-2014 facebook algoritmo edgerank social network


Dal dicembre 2013 il numero di post visti dagli utenti Facebook delle pubblicazioni dalle pagine d'impresa ha subito una drastica riduzione. Quello che pubblichiamo sulla pagina del social network adesso, viene visualizzato solo da un esigua percentuale di fans e followers. 
 
Le strategie di diffusione di contenuti su Facebook utilizzate fino ad ora, pertanto, si stanno rivelando inefficaci.
 
Per raggiungere più fans e dunque essere piú virali sembrano esserci solo due modi: convincere le persone a commentare, fare click sul bottone "mi piace" , condividere ciò che pubblichiamo o pagando.
 
Questa nuova politica del social network ha generato molte critiche ed altrettante domande, alle quali Facebook ha cercato di rispondere con un ampio articolo.
 
Il motivo principale per il quale è stata ridotta la percentuale di utenti raggiunti è la quantitá di contenuti esistenti. Il team di Facebook dichiara che quando un utente entra in Facebook, potrebbe vedere fino a 1.500 nuovi aggiornamenti e notifiche di amici e pagine che segue, un numero talmente grande che risulta impossible mostrarlo sul muro di ogni utente.
 
Per questo motivo, è stato implementato un algoritmo, noto come EdgeRank, che determina automaticamente ció che puó essere degno di interesse per ognuno di noi, abbassando da 1.500 a 300 (in media) le pubblicazioni mostrate sul muro personale. 
 
Ció significa quando un utente entra in Facebook, vede solo il 20% di ció che è stato effettivamente pubblicato.
 
L'algoritmo EdgeRank si basa su migliaia di variabili differenti che analizzano ogni testo per determinare se puó essere interessante o meno per ogni utente, inoltre, EdgeRank è in teoria capace di sapere se noi siamo interessati a commentare un post.
 
Per rispondere alla domanda relativa all'impossibilità di gestire i filtri da parte dell'utente, il team di FB risponde che, mostrare l'intero contenuto non avrebbe nessuna afficacia a livello informativo, che le persone non hanno tempo materiale per poter visualizzare tutti gli aggiornamenti disponibili, motivo per cui hanno deciso di implementare l'algoritmo EdgeRank sopra menzionato.
 
Da Facebook dichiarano inoltre, che la riduzione dei risultati organici non è collegata in nessun modo con l'intenzione di fare affari, speculando sui dati acquisiti dalle nuove iterazioni ed assicurano che molte altre piattaforme web stanno adottando la stessa politica.
 
Una delle domande piú reiterate dagli utenti è quella relativa al valore dei fans di una pagina.
 
A questo proposito Facebook afferma che i fans hanno un grande valore, spiegandone le motivazioni:
 
- I fans fanno si che le pubblicazioni di una pagina siano piú efficaci. Un annuncio con ampio riscontro sociale puó portare ad un aumento delle vendite online fino ad un 35%.
- I fans fanno si che i costi degli annunci siano piú competitivi. “Gli annunci con un buon riscontro di pubblico sono un segnale della buona qualità dell'annuncio, e possono portare a migliori prezzi nella contrattazione”.
- Si possono utilizzare le informazioni sui fans (come il luogo in cui vivono, i loro gusti, i loro interessi) per prendere decisioni e raggiungere nuovi potenziali clienti.
- I fans "titolati" (vip o con una certa influenza sugli utenti) danno credibilitá al business.
 
 
L'articolo sopra menzionato, non manca di sottolineare che il numero di fans acquisiti non è utile per qualsiasi tipo di business, però lo è per coloro che annunciano e analizzano successivamente i dati dei clienti.
 
Chiaramente, perchè una pagina di Facebook possa avere successo, deve avere dei fans reali, attivi e motivati. Una pagina con fans che non interagiscono (o peggio, un manipolo di fans comprati) non serve assolutamente a nulla.
 
Rimane da capire su quali basi l'algoritmo EdgeRank mostri i contenuti. Da Facebook lasciano intravedere alcuni parametri tra i quali: preferenze sulle pagine brand, geolocalizzazione, i "mi piace" sui post degli amici.
 
Si suppone che il meccanismo seguito dall'algoritmo EdgeRank sia una sorta di intelligenza artificiale che incrocia i suddetti parametri (e molti altri, ignoti ai comuni mortali). 
 
Solo Facebook stessa puó essere tanto predittiva da capire cosa sarà mostrato ed a chi...
 
 
 
by Luigi Nori Date: 25-06-2014 facebook algoritmo edgerank social network visite : 6685  
 
 
 
 

Articoli correlati

    Java Design Pattern: Builder Pattern

    Andiamo oggi a parlare di un pattern creazionale che in molte situazioni può rappresentare una valida alternativa alla costruzione di oggetti mediante costruttori: il Builder Pattern. La necessità di introdurre meccanismi…

    Un'estate pessima per Internet

    Se in queste ultime settimane avete avuto la sensazione che che l'universo digitale stesse implodendo, non eravate soli. Nell'ultimo mese ci sono state diverse ed importanti interruzioni  e malfunzionamenti della rete, che…

    Le pagine su Facebook con foto di bimbi malati sono una truffa

    Se su Facebook qualcuno ti chiede un "Mi piace" o di scrivere "Amen" nei commenti per solidarizzarti con un bambino malato di cancro, e poi ti assicurano che se si condivide la…

    Ultimi cambi nell'algoritmo di Google #4

    Siamo arrivati al nostro ultimo post inerente ai cambi effettuati da papà Google negli ultimi anni. Concludiamo questa serie di post, con la promessa di aggiornarvi ogni qual volta Google introduca cambi…

    Introduzione a React: la prima libreria JavaScript costruita per sviluppatori frontend

    React è una libreria JavaScript, creata da Facebook e Instagram, che permette di creare delle interfacce utente complesse grazie alla suddivisione in diversi componenti. React supporta la definizione di modelli HTML per ciascun componente attraverso un…

    Ultimi cambi nell'algoritmo di Google #3

    Eccoci al terzo appuntamento dedicato allo studio dei cambiamenti che hanno rivoluzionato il mondo della ricerca online. Questo mese sono state affettuate alcune importanti modifiche. NOVITÀ 18 nov 2015 – Ottimizzazione per dispositivi mobili 2…

    Come attivare la nuova interfaccia di Google Plus manualmente

    Poche ore fa Google Plus ha presentato un nuovo design cui principali protagonisti saranno le Community, cosa renderà molto più facile per gli utenti inviare, ricercare, connettersi e altro ancora,…

    Per un social media marketing di successo: risorse e strumenti

    Sappiamo benissimo che, per ottenere successo nel web occore focalizzarsi su determinte attività: - studiare come agiscono gli individui di successo nella nicchia di interesse - incrementare le abilità nella scrittura e…

    Ultimi cambi nell'algoritmo di Google #2

    La necessità per qualsiasi azienda di essere presente online è diventata sempre più pressante, con la conseguenza dell'incremento esponenziale della concorrenza e della competizione. Le potenzialità di ottenere un ROI…

    Ultimi cambi nell'algoritmo di Google #1

    NOVITÀ 26 oct 2015 – Google svela RankBrain 6 oct 2015 – Ritocco dell' algoritmo contro lo spam. 2 oct 2015 – Il lancio di Panda 29/v4.2 è molto vicino. 30 sep 2015 – Nuova spinta ai rankings grazie alle…

    La ricerca organica Leader nel traffico generato verso sitie portali dedicati al turismo

    Dopo aver analizzato "miliardi di dati" di contenuti, la società di contenuti di marketing BrightEdge sostiene che la ricerca organica è il canale primario di traffico in entrata per siti…

    I 200 Fattori dell' Algoritmo di Google #3

    101. Il paese di origine (ccTLD) dei domini che ci linkano Ricevere backlink da domini locali specifici aiuta a rankare meglio in quegli stessi paesi 102. La posizione del link nel contenuto Ricevere…