Come Vedere I Siti Visitati Durante la Navigazione Anonima E Come Eliminarli

by Silvia Mazzetta Date: 22-02-2020 sicurezza privacy DNS Windows


Una delle caratteristiche della modalità anonima di qualsiasi browser è che non memorizza nello storico le pagine web visitate. Tuttavia, esiste un metodo per visualizzare gli ultimi siti a cui si è acceduto con il proprio browser, indipendentemente dal fatto che sia stata impostata o meno la modalità in incognito.

Appariranno tutti nella stessa lista.

Quando si entra in un sito web, Windows ne accelera l'apertura memorizzando le informazioni DNS del sito web nella cache DNS del computer. Pertanto, le visite effettuate con il vostro browser vengono salvate. Non si tratta di uno storico dei siti, ma di un elenco completo dei DNS in cui sono inclusi i siti visitati con o senza la modalità anonima.

Quello che in pochi sanno, infatti, è che, nonostante l’utilizzo della modalità di navigazione anonima, attraverso una semplice procedura, sarà ugualmente possibile scoprire i siti web visitati.

Come?

Basta semplicemente sfruttare il cosiddetto resolver DNS di Windows, ovvero quella parte del sistema operativo Windows dedicata a tradurre la classica visualizzazione a lettere che si utilizza solitamente quando si naviga su Internet nel rispettivo indirizzo IP del sito web visitato. In altre parole traduce da, ad esempio, www.google.it a 216.58.212.67.

Tale sistema, infatti, mantiene costantemente nella propria cache tutte le associazioni fatte tra indirizzo IP e sito web visitato, permettendo a chiunque, di conseguenza, di risalire ugualmente ai siti web visitati nonostante l’utilizzo delle speciali modalità di navigazione in incognito.

Vedere la lista dei siti visitati in modalità anonima

La prima cosa da fare è entrare nel prompt dei comandi di Windows.

Per fare questo, aprite il menu di avvio e digitate il termine cmd. Il prompt dei comandi apparirà nei risultati, ed è necessario fare clic su di esso per aprirlo.

Il prompt dei comandi è una schermata nera sulla quale si devono digitare i comandi.

Per visualizzare la cronologia DNS, digitare il comando ipconfig /displaydns e premere il pulsante Invio.

Vedrete apparire i risultati immediatamene sotto la linea digitata.

Apparirà un elenco di tutte i file cache del DNS sul vostro computer.

A questo punto, potete esaminare i siti e le risorse online che avete scaricato in tutti i vostri browser, comprese le pagine visitate mentre eravate in modalità anonima.

I siti che avete visitato in modalità anonima appariranno in ordine cronologico, mischiati con il resto degli elementi che avete scaricato.

A questo punto, avrete bisogno di armarvi di pazienza, a meno che non stiate cercando pagine specifiche.

Se si desidera cercare delle pagine specifiche, premere Control + F: apparirà una finestra di ricerca, dalla quale sarà possibile consultare  i nomi cliccando su Cerca.

Se volete tutelare al massimo la vostra privacy,  c'è un metodo per rimuovere tutto lo storico.

Quello che dovete fare è tornare al prompt dei comandi e digitare il comando ipconfig /flushdns.

In questo modo, dopo aver ricevuto un messaggio di conferma, si sarà certi che nessuno potrà più scoprire quali sono stati i siti web che uno ha visitato nonostante l’utilizzo della modalità di navigazione in incognito.

Design vector created by macrovector - www.freepik.com
 
by Silvia Mazzetta Date: 22-02-2020 sicurezza privacy DNS Windows visite : 21154  
 
Silvia Mazzetta

Silvia Mazzetta

Web Developer, Blogger, Creative Thinker, Social media enthusiast, Italian expat in Spain, mom of little 6 years old geek, founder of  @manoweb. A strong conceptual and creative thinker who has a keen interest in all things relate to the Internet. A technically savvy web developer, who has multiple  years of website design expertise behind her.  She turns conceptual ideas into highly creative visual digital products. 

 
 
 

Articoli correlati

Cyber Security: Microsoft, Google, WhatsApp vs Cyber Mercenari

Un gruppo di importanti aziende tecnologiche si è candidata per offrire assistenza e supporto legale a WhatsApp nella sua battaglia legale contro il NSO Group - la famigerata organizzazione dietro…

Facebook: come rimuovere i dati nascosti e le informazioni personali

Facebook è un fantastico social network che ci permette di essere sempre aggiornati su tutte le notizie dei nostri amici o della nostra famiglia o anche sulle notizie più rilevanti…

Come sapere quali applicazioni hanno accesso alla propria posizione, al microfono e alla telecamera

Quando si installa un'applicazione sul proprio smartphone, si decide quali permessi dare, ma non sempre è tutto così chiaro ed evidente. Oggi, spiegheremo come sapere se quei permessi  eccedono la legalità…

Come e perché cambiare i DNS

Tutti noi utilizziamo DNS tutti i giorni anche se non ce ne rendiamo conto e anche abbastanza frequentemente. Ne volete sapere di più? Benissimo, andiamo con ordine. Di seguito troverete…

Come abilitare DoH in Chrome, Firefox e Edge per evitare che il vostro Isp sappia quali siti visitate

Forse non avete ancora sentito parlare di DoH, il nuovo standard di sicurezza di Firefox, Chrome e altri browser che impedisce al vostro provider Internet di tracciare i siti che…

La funzione spazio privato dei telefoni Huawei

Un punto positivo dei livelli di personalizzazione di Android è che generalmente includono molte funzioni avanzate come lo Spazio Privato. Lo Spazio Privato EMUI è una sorta di area privata separata,…

Russia si scollega da Internet come parte di un esperimento

In Russia stanno conducendo un esperimento pianificato in cui sarà necessario scollegare il paese da internet, secondo alcuni media (tra cui l'agenzia di stampa russa RosBiznesKonsalting). Vogliono raccogliere informazioni per apportare…

I siti web possono già identificare un utente,anche se si usano diversi browser sullo stesso computer

Ars Technica riporta un lavoro di alcuni ricercatori che hanno sviluppato un metodo efficace al 99% per identificare un utente che naviga sul web anche se utilizza diversi browser sullo…

Un giudice chiede a Google di recuperare le email e i dati archiviati al di fuori degli Stati Uniti

Cattive notizie per coloro che difendono la privacy delle informazioni su Internet: un giudice statunitense ha condannato Google a collaborare con l'FBI e ha ordinato di dare loro l'accesso alle…

Twitter traccia la navigazione anche dopo il logout: ecco come evitarlo

Il team di Twitter in un post pubblicato il 3 luglio sul blog ufficiale, ha annunciato di voler “sperimentare nuove strade per targettizzare la pubblicità” che, tradotto in parole meno…

Kim Dotcom accusa Google, Twitter e gli altri di violare il suo brevetto di verifica in due passi

Il fondatore di Mega denuncia la violazione su twitter annunciando che possiede il brevetto del sistema di sicurezza dal 1997. Questo brevetto venne dunque registrato prima che le autorità della Nuova…

Attenzione con Skype: i messaggi non sono privati!

Una ricerca portata avanti da Ars Technica ha dimostrato che i messaggi che inviamo attraverso Skype non sono al 100% privati. Ars Technica ha dimostrato che Skype, ora di proprietá di Microsoft,…

Utilizziamo i nostri cookie e quelli di terzi per migliorare i nostri servizi, compilare informazioni statistiche e analizzare le vostre abitudini di navigazione. Questo ci permette di personalizzare i contenuti che offriamo e di mostrarvi le pubblicità relative alle vostre preferenze. Cliccando su "Accetta tutto" acconsentite alla memorizzazione dei cookie sul vostro dispositivo per migliorare la navigazione del sito web, analizzare il traffico e assistere le nostre attività di marketing. Potete anche selezionare "Solo cookies di sistema" per accettare solo i cookies necessari al funzionamento del sito web, oppure potete selezionare i cookies che desiderate attivare cliccando su "Impostazioni". Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)" o "Rifiuta".

Accetta tutti Solo cookies del sistema Configurazione