RCS: Tutto quello che c'è da sapere sul successore dell'SMS

by Janeth Kent Date: 18-06-2019 rcs sms messaging chat google android


Che cos'è RCS? A cosa serve? Scopri tutto ciò che riguarda questo sistema che Google promuove da tempo e il futuro che potrebbe avere.

La messaggistica nel mercato dei telefoni cellulari è cambiata drasticamente nel tempo. Per molti anni gli SMS sono stati il modo in cui la maggior parte delle persone erano in contatto con altre persone. Con il progresso degli smartphone, le applicazioni di messaggistica istantanea come WhatsApp o Telegram hanno guadagnato peso, spostando gli SMS. Anche se Google è alla ricerca di tempo per promuovere RCS in questo segmento in tutto il mondo.

Che cos'è RCS? Tutto ciò che riguarda questa tecnologia sarà raccontato qui di seguito. Per farvi capire la sua importanza e il motivo per cui Google sta lavorando per promuoverla in tutto il mondo da qualche tempo.

Cos'è RCS

RCS sta per Rich Communication Services, che tradotto in italiano sarebbe Servizi di comunicazione arricchiti. Questa tecnologia è sul mercato da tempo, perché è emersa intorno al 2008. Tuttavia, non è stato lanciato come norma ufficiale fino a tre anni fa. Ecco perché è qualcosa di cui molti consumatori non sono a conoscenza. Poiché la sua presenza è attualmente limitata, nonostante lo slancio di alcuni marchi.

L'RCS permette di inviare messaggi, oltre a file, immagini, codici QR, pulsanti di azione, mappe. Tuttavia, non è l'unica cosa, poiché gli utenti hanno anche la possibilità di ricevere pagamenti, inviare ricevute o addirittura automatizzare il servizio clienti. Per questo motivo, va molto più in là degli SMS, perché la quantità di funzioni che permette di fare è molto maggiore. Questo gli conferisce una serie di vantaggi molto chiari. Ma tutto questo senza dover installare altre applicazioni per esso. Mentre i produttori di telefoni possono creare le proprie applicazioni, ma tutte saranno compatibili tra loro.

L'idea di RCS è quella di fornire una migliore comunicazione all'utente, sostituendo gli SMS. Ma senza che l'utente debba cambiare piattaforma. Cerca di sostituire le principali applicazioni di messaggistica, permettendovi di inviare tutto il possibile in esse, come visto nel paragrafo precedente. Anche se ha uno svantaggio, e cioè che questi messaggi non saranno criptati da un capo all'altro. Questo impedisce loro di avere un ulteriore strato di protezione.

Promettono inoltre di essere un elemento chiave per le imprese. Infatti, questo è stato uno degli aspetti che Google ha cercato di promuovere, per incoraggiare l'adozione di RCS. Già l'anno scorso è stato rivelato che le aziende potevano inviare messaggi.

Come funziona RCS

Per poter utilizzare l'RCS, è necessario soddisfare una serie di requisiti. Da un lato, è necessario avere almeno la versione 2.9 dei messaggi Android installati sul dispositivo. Mentre in termini di versione del sistema operativo, è necessario utilizzare Android 4.4 KitKat o versioni superiori di esso. Inoltre, gli utenti che desiderano utilizzarli devono avere un telefono in grado di ricevere tali messaggi. Dipende anche dal computer, oltre che dalla rete telefonica, che ne consente l'utilizzo.

D'altro canto, per il funzionamento dell'RCS, occorre tener conto di alcuni elementi. Ci sono tre elementi chiave in questo processo, che sono quelli che gli permettono di funzionare correttamente:

  • Il client su uno smartphone Android (messaggi Android): l'applicazione di messaggistica, che in questo caso è Messaggi, che è ciò che permette di inviare questo tipo di messaggi. Si tratta di un'evoluzione delle classiche applicazioni con cui inviare messaggi SMS.
  • Il cloud: l'infrastruttura di server che hanno la capacità di ospitare i dati inviati in tutto il mondo utilizzando questo protocollo RCS.
  • L' Hub: è il sistema che ha la responsabilità di collegare le reti degli operatori mobili che partecipano a questo sistema, in modo che non ci siano limitazioni a seconda della posizione o dell'utilizzo di un particolare operatore.

Google è attualmente il principale responsabile di questo sistema. Per questo motivo sono responsabili del corretto funzionamento dell'RCS. Essi cercano inoltre di rafforzare la loro presenza, in molti casi attraverso accordi con gli operatori. Nel caso della Spagna, sono già una realtà grazie a Vodafone. Inoltre, hanno accordi con circa 55 operatori in tutto il mondo. Anche con diversi produttori di smartphone Android, come Samsung, LG o Huawei.

Ho bisogno del WiFi per usare RCS?

Il funzionamento di RCS è simile a quello degli SMS, quindi è necessario essere connessi alla rete telefonica. Questo è il motivo per cui l'utilizzo di questo sistema dipende dall'operatore di cui si dispone e non dalla disponibilità di una connessione Internet in quel momento. In un certo senso è un vantaggio non aver bisogno di una connessione Internet per utilizzarla.

Anche se un aspetto su cui ci sono ancora molti dubbi oggi è il modo in cui si pagherebbe. Perché se si carica per messaggio inviato, come per gli SMS, le possibilità di successo di questo sistema sono significativamente limitate. I pacchetti tariffari che consentono di inviare messaggi utilizzando questo sistema in modo illimitato sono un buon aiuto. Ma al momento ci sono ancora pochi dettagli concreti.

Inoltre, dipende da ogni operatore. Così alcuni potrebbero scommettere sui pacchetti, combinandoli nelle loro tariffe. Mentre altri addebiteranno per ogni singolo messaggio. La mancanza di chiarezza a questo proposito non è molto utile per il progresso di RCS. Questo impedisce loro di essere in grado di sostituire sul mercato altre applicazioni come WhatsApp o Telegramma.

RCS sostituirà gli SMS?

Google sta guidando l'uso di RCS da qualche tempo ormai. Uno dei motivi è la sfortuna dell'azienda nel segmento delle applicazioni di messaggistica. Recentemente Google Allo ha chiuso definitivamente i battenti. Inoltre, anche altre piattaforme come Hangouts non hanno finito di coagulare tra i consumatori in Android. Questo ha costretto l'azienda a cercare altre soluzioni.

Attualmente RCS opera principalmente negli Stati Uniti e in Canada. La loro presenza in Europa è limitata, così come lo sviluppo della loro presenza sui mercati latino-americani, anche se hanno ancora molta strada da fare per avere una presenza consolidata sul mercato. È impossibile stabilire o stimare le date di una più ampia presenza sul mercato. Ci sono molti fattori che influenzano questo sviluppo.

Soprattutto, occorre tener presente che molti operatori non lo utilizzano, né si sa se i loro piani per utilizzare questo sistema. Per questo motivo, molti considerano complicato che RCS stia davvero per sostituire gli SMS e diventare un sistema con una grande presenza sul mercato. Anche se condividono molti elementi in comune. Perché usano la stessa applicazione, ma è un canale di comunicazione diverso, che sarà utilizzato in modo diverso. Ricordate che questo sistema non è indipendente dall'operatore che avete, a differenza di applicazioni come WhatsApp o Telegramma.

Inoltre, stanno ancora aspettando che Google lanci la Chat, che è il nome commerciale che daranno a RCS. Già l'anno scorso è stato commentato che ci stavano lavorando. Non è stata indicata alcuna data di lancio, lasciando in aria che sarebbe stato tra il 2018 e il 2019. Anche se al momento non abbiamo ancora nessuna notizia. Il che non aiuta molto in questo senso.

Operatori che supportano RCS

Come già menzionato in precedenza, il numero di operatori che forniscono questo sostegno a RCS è andato aumentando nel tempo. Ci sono in totale 55 operatori che danno o hanno annunciato al momento in cui questo sostegno verrà concesso. Pertanto, sebbene molti abbiano annunciato il sostegno, in molti casi non è ancora avvenuto. Questa è la lista conosciuta finora:

AIS
Airtel
AT&T
América Móvil
Beeline
Campana mobile
Bharti Airtel Ltd
Certo.
Deutsche Telekom
Dodocomo
Etisalat
Globo Telecom
KPN
Megafon
Millicom
Movistar
MTN
Optus
Arancione
GIOCA
Rogers
Comunicazioni intelligenti
Sprint
T-Mobile
Tele2
Telcel
Gruppo Telenor
TeliaSonera
Telstra
Telus
TEMPO
Turkcell
Verizon
VimpelCom
Vodafone

Applicazioni Android con supporto RCS

Google inizia a rimuovere le applicazioni che accedono agli SMS e alle chiamate

Google ha iniziato a incrementare l'uso di RCS in Android con l'introduzione di questa funzione nell'applicazione Android Messaggi. L'anno scorso è iniziato un rinnovo in questa applicazione, con l'introduzione di esso. Anche se questa funzione funziona solo in alcuni operatori, che hanno già aderito a questo programma. A poco a poco questo numero sta aumentando. Essendo questa applicazione quella che viene utilizzata in questo senso per l'utilizzo di RCS.

Si prevede che ad un certo punto arriverà l'applicazione Google Chat, in cui questo RCS sarà implementato in modo estensivo. Ma al momento non ci sono notizie del suo lancio. Dall'anno scorso se ne parla, anche se lo stesso Google non ha detto nulla. Quindi le notizie sono attese a breve.

 
by Janeth Kent Date: 18-06-2019 rcs sms messaging chat google android visite : 3718  
 
Janeth Kent

Janeth Kent

Licenciada en Bellas Artes y programadora por pasión. Cuando tengo un rato retoco fotos, edito vídeos y diseño cosas. El resto del tiempo escribo en MA-NO WEB DESIGN END DEVELOPMENT.

 
 
 

Articoli correlati

Frontiere della comunicazione: Linguaggio e intelligenza artificiale

Nel libro "Come la vita imita gli scacchi" Garry Kasparov racconta la sua storia e le sue memorabili partite contro Karpov o Deep Blue. Deep Blue, come veniva chiamato il programma…

Come eseguire il backup delle foto e dei video di Facebook su Google Photos

Sebbene Instagram o TikTok siano attualmente due dei social network più utilizzati, la verità è che Facebook ha ancora molti utenti attivi da anni. Sia che siate un utente veterano…

Le videochiamate di Google Meet possono ora mostrare fino a 16 persone in una griglia

Google permetterà agli utenti di business e di formazione su Gmail.com di rispondere direttamente alle chiamate sul suo strumento di videoconferenza Meet a partire da giovedì, una nuova funzione cerca…

Webinar e Online Class: Le migliori app free(o quasi) per fare lezione anche da casa

A causa del motivo contingente di clausura, anche il modo di lavorare classico ha dovuto subire uno scossone e adeguarsi ai paesi più tecnologici in cui questo modo di lavorare…

GMail aggiunge nuovi filtri per la ricerca della posta in un unico passaggio

Gmail sta implementando un entusiasmante aggiornamento che rende più facile trovare le email con pochi click. Se usate spesso Gmail, saprete che potete applicare una serie di scorciatoie per velocizzare la…

Come ridurre il consumo di memoria in Chrome

Google ha iniziato a testare una nuova funzione chiamata "Tab Freeze" che mira a ridurre il consumo di memoria in Chrome. Ed è interessante, perché il browser ormai consuma parecchie…

Il servizio di Google che mostra se le password sono state hackerate

La sicurezza informatica è uno dei grandi problemi di oggi che porta gli utenti, le aziende e persino i governi ad affrontare un numero crescente di attacchi informatici. Se uno…

Google Play offre applicazioni gratis e giochi con grandi sconti ( per un periodo limitato )

Agosto. Venerdí. Caldo afoso. Google cerca di tenervi incollati ai dispositivi mobili con nuove app e giochi (nonostante stiate in spiaggia probabilmente), proponendovi delle offerte: 82 applicazioni gratis o super…

L'elenco completo delle alternative ai servizi di Google. (Parte 2).

Siamo così assuefatti da Google che è facile dimenticare che esistono alternative. Certo, molti dei servizi alternativi non sono così noti o popolari. Torniamo a proporvi la seconda parte del nostro…

L'elenco completo delle alternative ai servizi di Google. (Parte 1).

Si può " fuggire" dall'influenza di Google? Ovviamente, non è obbligatorio ne necessario ma è interessante conoscere le migliori alternative ai servizi offerti da Google , in modo da avere…

Google Stadia: futuro del gaming o clamoroso flop?

Stadia: possibile concorrente per le console Next Gen? Se siete qui, sicuramente già saprete grossomodo cos'è Google Stadia. Il prossimo servizio streaming di gaming potrebbe certamente concorrere contro le console Next…

Google Chrome nasconde WWW e HTTPS dalla barra degli indirizzi

Non è la prima volta che succede, ma sembra che Google sia tornato per l'ennesima volta sui suoi passi... Qualche tempo fa, aveva deciso di nascondere parti dell'URL nella barra degli…

Utilizziamo i nostri cookie e quelli di terzi per migliorare i nostri servizi, compilare informazioni statistiche e analizzare le vostre abitudini di navigazione. Questo ci permette di personalizzare i contenuti che offriamo e di mostrarvi le pubblicità relative alle vostre preferenze. Cliccando su "Accetta tutto" acconsentite alla memorizzazione dei cookie sul vostro dispositivo per migliorare la navigazione del sito web, analizzare il traffico e assistere le nostre attività di marketing. Potete anche selezionare "Solo cookies di sistema" per accettare solo i cookies necessari al funzionamento del sito web, oppure potete selezionare i cookies che desiderate attivare cliccando su "Impostazioni". Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)" o "Rifiuta".

Accetta tutti Solo cookies del sistema Configurazione