Google dice addio alle parole chiave nei contenuti


 
 

Per lungo tempo gli specialisti SEO hanno insistito, a ragione, sull'importanza della parole chiave, tant'é che a volte si arrivava ad un vero e proprio abuso di quest'ultime e si potevano trovare delle pagine web nelle quali il numero delle parole chiave, superava quello del contenuto utile propriamente detto.

Spesso si finiva per cadere nel cosidetto keyword stuffing ovvero nell'eccessiva ridondanza di parole chiave.

Bisogna ricordare che l'algoritmo di Google è studiato per penalizzare l'estrema ridondanza delle parole chiave, sovente utilizzata, al fine di aumentarne artificiosamente le occorrenze all'interno di una pagina.

I sistemi di intelligenza artificiale oggigiorno, sono programmati per individuare ed identificare il contenuto valido dentro l'oceano d'informazione presente nella rete , inoltre, l'indicizzazione da parte dei robot di Google si basa ora su innumerevoli fattori grazie ai quali è possibile filtrare e valutare i contenuti in maniera piú flessibile, senza dipendere piú tanto dalle parole chiave.

Per questo Google ha deciso eliminare la sezione parole chiave dalla Search Console (antica google webmasters tools),  sottolineando che si continuerà comunque ad informare l'utente delle parole chiave digitate per raggiungere il sito.

Qui trovate il link all'articolo originale: Saying goodbye to Content Keywords di John Mueller,

 

 
 

tags: SEO google searchconsole SEM keywords news


Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. È possibile modificare le impostazioni dei cookie o ottenere ulteriori informazioni qui: Politica dei cookies.