Un Approccio a Java: Strutture Condizionali

Impariamo a prendere decisioni nel software



Ciao a tutti e bentornati! Le volte precedenti abbiamo introdotto il concetto di variabile, tentando di definire alcuni concetti basilari a riguardo. 

Alcune situazioni fanno però intuire come il solo concetto di variabile non sia sufficiente a risolvere tutte le possibili situazioni che potrebbero presentarcisi davanti. Un esempio molto banale potrebbe essere quello di capire se un numero è pari o dispari. Capiamo subito come il solo concetto di variabile non sia in grado di permetterci di risolvere questo problema, perchè in fondo, programmare vuol dire risolvere problemi, no? 

Durante la storia sono quindi stati sviluppati e introdotti costrutti che permettessero di variare il flusso di esecuzione del programma stesso. Cerchiamo di capire meglio.

Vediamo prima di tutto uno pseudo-codice per la risoluzione del problema.

se il numero è pari
   fai qualcosa 
altrimenti
   fai qualcos'altro

Ci si accorge subito che ci sono due possibili esecuzioni del programma.

La prima prevede il caso in cui il numero è pari, quindi si eseguono le istruzioni che ho indicato, in modo molto informale, con "fai qualcosa". Il secondo caso invece è quello del numero dispari, dove le azioni eseguite sono quelle denominate con "fai qualcos'altro".

La prima cosa importante da dire è che i due blocchi di istruzioni vengono eseguiti in modo esclusivo. Questo significa che, se viene eseguito un gruppo allora l'altro non viene eseguito e viceversa. Questa caratteristica risulta fondamentale proprio per il fatto che il flusso di esecuzione del programma non è più uno solo, ma può avere molteplici sviluppi. Molteplici sviluppi che comunque vanno tutti previsti. 

Il costrutto if-else

Esistono diversi costrutti di decisione. Il primo e più elementare è il costrutto if-else. In Java, la sintassi per esprimerlo, è la seguente:

if(condizione è vera){
    
    //istruzioni da eseguire se la condizione è vera

} else {

    //istruzioni da eseguire se la condizione è falsa
}

Si può facilmente notare come siano evidenziati due blocchi fondamentali. Il blocco dell'if e il blocco dell'else. Vediamo come il fulcro di tutto il costrutto sia la condizione. Questa nozione ci introduce ad un nuovo tipo di valore: il valore booleano. Fondamentalmente, condizione può assumere solo e soltanto due possibili valori: true false

Vedremo la prossima volta come funzionano i valori booleani. 

Consideriamo ora la soluzione al problema posto prima riguardo i numeri pari e dispari.

int a = k;
if(a % 2 == 0){
    System.out.println("Pari");
} else {
    System.out.println("Dispari");
}

La soluzione risulta alquanto semplice, in quanto lo scheletro fondamentale del problema è quello dato dal costrutto if-else. Quello che sta al programmatore, è scegliere cosa inserire all'interno dei due blocchi. 

Una piccola nota relativa alla notazione che ho usato: la k dell'inizializzazione della variabile è un modo compatto per dire che quella k può essere sostituita con un qualsiasi valore intero.

Questo esempio è l'ideale per introdurre un nuovo operatore: il %. Questo operatore ci permette di calcolare il resto di una divisione. Quando scriviamo a % b stiamo quindi calcolando il resto della divisione di a per b. Per esempio, scrivere 5 % 2 ha come risultato 1, in quanto 1 è il resto della divisione tra 5 e 2.

Il costrutto if-elseif-else

A volte può succedere ci siano una serie di condizioni che vanno verificate in maniera esclusiva. Avendo quindi, per esempio, tre condizioni c1, c2 e c3, verificarle in modo esclusivo signigica che, se c1 è vera, non si controllano nè c2 nè c3. Se c2 è vera non si controlla c3. Come poter fare questo?

Un lettore inesperto potrebbe dire che una serie di if potrebbero essere la soluzione. Si potrebbe quindi scrivere una soluzione simile alla seguente.

if(c1 vera){
    //fai qualcosa
}else{
    if(c2 vera){
        //fai qualcos'altro
    }else{
        if(c3 vera){
            //fai qualcos'altro ancora
        }
    }
}

Questa soluzione funziona senza ombra di dubbio, ma è comunque inutilmente complessa e molto poco elegante.

Giunge in nostro aiuto quindi il costrutto if-elseif-else. Vediamo la sintassi:

if(condizione vera){

}else if(altra condizione vera){

}else{

}

Vediamo quindi l'introduzione di un nuovo blocco di codice, definito dalla sezione else if. Questa sezione viene valutata solo se la condizione dell'if risulta essere falsa. Vediamo un possibile esempio.

Il problema da risolvere è il seguente: data una variabile, stamparla se rappresenta un numero positivo, stampare la stringa "zero" se il suo valore è uguale a zero e stampare il suo valore moltiplicato per due se è un valore negativo. 

Una possibile soluzione è questa.

int a = k;
if(a > 0){
    System.out.println(a);
}else if(a == 0){
    System.out.println("zero");
}else{
    System.out.println(a*2);
}

Come prima, a = k significa che k può essere sostituito con un qualsiasi valore intero. 

Una domanda che può sorgere è: quanti rami else if posso aggiungere? La risposta è: quanti se ne vogliono. Generalmente, si tende a contenerne il numero, dal momento in cui il codice diventa poco leggibile e poco elegante con il crescere degli else if. Vedremo in seguito che si tende ad optare per una soluzione diversa, che tende a rendere il codice più leggibile e più chiaro, indipendentemente dal crescere delle condizioni da verificare.

Costrutto if

Lasciato per ultimo, il costrutto if è il mattoncino elementare alla base dei due precedenti mostrati prima. Il concetto è davvero semplice. Se una data condizione è vera, allora eseguo delle azioni e poi proseguo con il normale flusso del programma. 

La sintassi è la seguente.

if(condizione vera){
    //codice
}

Un possibile esempio è il seguente: data una variabile, stamparla e se è pari sommargli 1.

int a = k;
if(a%2 == 0){
    a = a + 1;
}
System.out.println(a); 

Vediamo quindi che è possibile eseguire delle operazioni solo in determinati casi. In questa maniera, si può variare il comportamento del programma a seconda della configurazione della variabili in quel dato istante.

Questa introduzione può sembrare alquanto teorica, ma successivamente vedremo alcuni esempi che ci permettono di vedere alcune situazioni di applicazione di questo concetto.

Un po' di teoria: le configurazioni delle variabili

Il concetto di configurazione di variabile è indispensabile da capire per poter cogliere a pieno il significato di alcune frasi. 

Quando ci riferiamo ad una configurazione, ci stiamo riferendo all'insieme composto dalle variabili e dai valori che quelle variabili hanno in uno specifico momento dell'esecuzione del codice.

Volendo rappresentare in qualche modo una configurazione di variabili, potremmo usare una notazione come questa: { variabile1 = valoreVariabile1, variabile2 = valoreVariabile2, ... , variabilen = valoreVariabilen }.

 
by Alessio Mungelli Date: 17-10-2020 java jdk jre programmazione strutture condizionali if else elseif teoria tutorial visite : 475  
 
Alessio Mungelli

Alessio Mungelli

Computer Science student at UniTo (University of Turin), Network specializtion, blogger and writer. I am a kind of expert in Java desktop developement with interests in AI and web developement. Unix lover (but not Windows hater). I am interested in Linux scripting. I am very inquisitive and I love learning new stuffs.

 
 
 

Articoli correlati

Un approccio a Java: Il ciclo while

Ciao a tutti e bentornati! Dopo aver fatto una breve, ma corposa, introduzione sui cicli, andiamo oggi a vedere finalmente le prime implementazioni che utilizzano quello che abbiamo definito ciclo precondizionale. In Java, come…

Un approccio a Java: I cicli - Introduzione

Ciao a tutti e bentornati! Sino ad ora, abbiamo parlato di variabili e di strutture di selezione, andando a considerare alcuni degli aspetti fondamentali di questi due concetti. Teoricamente, per…

Un approccio a Java: strutture di selezione - casi d'uso

Ciao a tutti e bentornati! Sino ad ora ci siamo preoccupati di fare una carrellata quanto più completa riguardo i concetti fondamentali di cui abbiamo bisogno per approcciarci all'utilizzo delle…

Un approccio a Java: operatori booleani

La volta precedente, abbiamo ampiamente parlato delle variabili booleane, cercando di delineare quali siano le principali operazioni che si possono effettuare proprio a livello pratico.  Di tutti i casi esaminati, non abbiamo…

Un approccio a Java: le variabili booleane

Ciao a tutti e bentornati! La volta precedente, ho fatto un'introduzione alle strutture condizionali, definendo il loro funzionamento. Prima di poter dare qualche esempio pratico, è necessario chiarire in che modo ci…

Un approccio a Java: Le variabili - caso d'uso

Ciao a tutti amici e bentornati! Dopo l'introduzione fatta sulle variabili, cerchiamo di analizzare alcune criticità che si possono presentare in situazioni alquanto comuni. Partiamo quindi analizzando degli esempi pratici.  Esempio 1: divisione…

Java Strutture Dati: Liste Concatenate

Con il 2020 andiamo ad esaminare un nuovo aspetto della programmazione: le strutture dati. Spesso capita a tutti di utilizzare strutture messe a disposizione dai vari linguaggi di programmazione. L'obiettivo sarà…

Java Algoritmi di Ordinamento: Selection Sort

Andiamo oggi ad analizzare in dettaglio un algoritmo di ordinamento non molto efficiente ma piuttosto utilizzato in diversi ambiti. Stiamo parlando del Selection Sort. Vediamo meglio in dettaglio. Intuizione L'idea alla base è quella…

Java algoritmi di ordinamento: Merge Sort

Andiamo oggi ad analizzare uno tra i migliori algoritmi di ordinamento: il Merge Sort. Detto anche algoritmo per fusione, fa parte della famiglia dei Divide and Conquer proprio come il Quick Sort. A differenza del…

Java algoritmi di ordinamento: Quick Sort

Bentornati in questa nostra panoramica sul mondo Java! Oggi andremo a parlare di un algoritmo di ordinamento tra i più celebri. Il Quick Sort. A differenza del precedentemente trattato Bubble Sort, Quick…

Come creare un aplicazione Vue.js in 5 minuti

Vue.js sta acquisendo sempre più popolarità, diventando un importante concorrente di framework come Angular o React.js. Come framework per i principianti, conquista i cuori dei giovani sviluppatori front-end e delle…

Java algoritmi di ordinamento: Bubble Sort

Programmando, nasce spesso la necessità di ordinare le collezioni di dati o oggetti che devono poi essere manipolate. Ordinare una lista può essere utile nei casi in cui si debbano…

Utilizziamo i nostri cookie e quelli di terzi per migliorare i nostri servizi, compilare informazioni statistiche e analizzare le vostre abitudini di navigazione. Questo ci permette di personalizzare i contenuti che offriamo e di mostrarvi le pubblicità relative alle vostre preferenze. Cliccando su "Accetta tutto" acconsentite alla memorizzazione dei cookie sul vostro dispositivo per migliorare la navigazione del sito web, analizzare il traffico e assistere le nostre attività di marketing. Potete anche selezionare "Solo cookies di sistema" per accettare solo i cookies necessari al funzionamento del sito web, oppure potete selezionare i cookies che desiderate attivare cliccando su "Impostazioni". Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)" o "Rifiuta".

Accetta tutti Solo cookies del sistema Configurazione