Analisi Della Guerra Per Il Controllo Del 5G: Stati Uniti Contro Cina

by Janeth Kent Date: 11-06-2020 5G reti cybersecurity


La guerra del 5G, oltre ad essere un argomento caldo in questi giorni, avrà inevitabili conseguenze in tutto il mondo. Il 5G subentrerà all'attuale tecnologia 4G che tanto ha contribuito a livello tecnologico e permetterà un salto di qualità in molte aziende e settori, soprattutto nel campo delle Smart Cities, oltre a rilevanti cambiamenti geopolitici.

Attualmente la tecnologia 5G non è standardizzata, dato lo sviluppo di prototipi attualmente in fase di realizzazione da parte di aziende di telecomunicazioni di tutto il mondo. La sua introduzione è prevista per quest anno e potrebbe essere ritardata a causa della guerra del 5G, le cui caratteristiche saranno spiegate di seguito.

L'obiettivo di questo articolo è quello di far luce sulle variabili e le vicissitudini che porteranno al monopolio della tecnologia 5G a livello globale, in particolare sull'attuale grande tavolo geostrategico, dove verrà posto l'accento sul ruolo degli USA e della Cina come principali protagonisti della guerra 5G.

 

Origini della guerra per il 5G

 

Nel XX secolo, ciò che ha reso potente uno Stato è stata la forza delle sue industrie (acciaio, carbone, automobili, aerei e navi).

Oggi la forza, i fondamenti della sicurezza e il potere di fatto sono cambiati, la punta di diamante della forza economica e dell'egemonia globale è la capacità di creare e utilizzare nuove tecnologie.

Attualmente sono due le forze coinvolte nella padronanza della tecnologia 5G che vogliono vincere questa guerra tecnologica: gli Stati Uniti e la Cina. Anche se nessuno dei due ha ancora l'egemonia del suo sfruttamento, ci sono già lotte di potere sotterranee per il suo dominio.

L'esito di questa guerra a 5G o incrementerà il dominio mondiale degli Stati Uniti, o contribuirà a far fare un passo avanti alla Cina , nel suo tentativo di sradicare gli Stati Uniti dal podio.

Un governo in grado di controllare le reti 5G ha sicuramente un grande vantaggio nel portate aventi il suo lavoro di intelligence e controspionaggio per proteggere i suoi interessi nazionali e internazionali o per attaccare i suoi nemici geopolitici.

 

Conseguenze della guerra per il 5G

 

Pertanto, chiunque riesca a monopolizzare (o controllare) la tecnologia 5G stabilirà le regole e controllerà la proprietà intellettuale, creando così rischi e vulnerabilità per la sicurezza nazionale.

5G rappresenterà una base tecnologica in grado di innovare rapidamente nella costruzione di una catena di approvvigionamento sicura sia per lo spionaggio che per il boicottaggio delle infrastrutture critiche.

A sua volta, la leadership 5G fornirà una base per le innovazioni tecnologiche che stimoleranno la capacità militare e la crescita economica

 

Attori principali e concorrenti nella guerra 5G

 

Attualmente sono quattro le aziende che dominano il mercato delle tecnologie di rete core necessarie per le reti 5G, due europee/occidentali (Ericsson e Nokia) e due cinesi (Huawei e Hisilicon). È interessante notare che l'unica con relazioni o proprietà statunitensi è Nokia dopo l'acquisto da parte di Microsoft nel 2013.

 

Elenco delle variabili che definiranno il vincitore della guerra 5G

 

Per poter giungere ad visione obiettiva alla situazione, di seguito sono riportate alcune variabili che definiranno il dominio della tecnologia 5G da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati europei o, al contrario, della Cina.

1. I semiconduttori sono i componenti più importanti delle tecnologie 5G. Le società americane in questo senso rimangono i principali fornitori di semiconduttori.

2. I semiconduttori sono un settore strategico essenziale per la sicurezza e la crescita nel 21° secolo. Dalla metà del XX secolo (1950) gli Stati Uniti sono leader nella progettazione e nell'innovazione dei semiconduttori di oggi, e l'industria è attualmente concentrata lungo la costa del Pacifico dove i riferimenti più significativi sono il Giappone, Taiwan e la Corea (curiosamente nell'attuale contenzioso con la Cina).

3. La tecnologia statunitense dei semiconduttori rimane indispensabile nelle future reti 5G.

4. L'uso dell'innovazione e delle politiche di produzione a tecnologia avanzata contrasterà la concorrenza sleale delle imprese cinesi.

5. Lavorare con gli stati alleati statunitensi per sviluppare un approccio comune e la fornitura di sistemi 5G.

6. Le aziende occidentali spendono attualmente più delle aziende cinesi in R&S 5G e hanno persino più brevetti legati alla tecnologia 5G rispetto alla Cina.
L'Occidente non deve copiare il modello cinese 5G, deve solo investire nella ricerca e adottare approcci globali comuni per condividere le barriere non tariffarie al commercio.

6. Gli unici fornitori di FPGAS (la sua applicazione principale è l'elaborazione digitale del segnale) sono americani.

7. Gli Stati Uniti, l'Europa e il Giappone sono le aziende dominanti nella fornitura di componenti di questi essenziali chip tecnologici 5G.

8. Gli Stati Uniti non possono affrontare la sfida 5G da soli. In passato, gli Stati Uniti hanno sfidato con successo la politica industriale cinese affidandosi ad alleati naturali occidentali.

9. Per contrastare il vantaggio in termini di prezzo dei sistemi 5G cinesi è necessario convincere altri paesi a pagare un sovrapprezzo per mitigare i prezzi cinesi, cosa che attualmente rappresenta un problema per il coordinamento di un consenso comune per l'azione.

 

La Cina potrebbe essere il prossimo leader tecnologico globale

 

La Cina sta cercando da anni di porre fine alla sua dipendenza dalla tecnologia occidentale. Questo può essere interpretato come un modo per livellare e persino superare la sua posizione geopolitica globale.

La creazione di potenti concorrenti industriali in vari settori (aerospaziale, telecomunicazioni, informatica, automobili, ferrovie, energia solare, ecc.) è una parte essenziale della politica economica cinese, pienamente in linea con la massima del " tornare al centro della scena mondiale".

Attualmente la Cina ha un tallone d'Achille rispetto alla tecnologia 5G nella catena di fornitura, il suo punto debole è costituito dalle interconnessioni nelle forniture i cui componenti non possono funzionare senza microprocessori americani.

In ogni modo, la Cina è un grosso problema per gli Stati Uniti e i suoi alleati per quanto riguarda la tecnologia 5G. Anche se in un contesto normale, la Cina non costituirebbe un rischio in quanto fornitore globale, attualmente è una potenza nello spionaggio industriale, nei furti di proprietà intellettuale e nell'intraprendere azioni sovversive contro gruppi o paesi che percepiscono come una minaccia per i loro interessi. Gli obiettivi della Cina vanno oltre gli Stati Uniti e comprendono qualsiasi paese che la Cina abbia interesse ad accedere o a influenzare.

Ci sono rapporti di intelligence occidentali che confermano che la Cina sta approfittando delle apparecchiature di rete fornite dalle sue aziende per sfruttare l'intelligence per suo conto. Anche se oggi è un argomento di moda, queste azioni cinesi risalgono a diversi decenni fa.

La Cina è già stata ripetutamente ammonita per perpetrare atti di spionaggio contro gli Stati Uniti e altri Paesi occidentali, ignorando gli "accordi di non spionaggio reciproco" esistenti. Ma la realtà è che tutti i Paesi con risorse spiano le altre potenze e i loro alleati.

Le aziende cinesi più rilevanti nella tecnologia 5G sono Huawei e ZTE. Queste società causano grande preoccupazione negli Stati Uniti e nei suoi alleati, poiché entrambe sono soggette al controllo/impulso del governo cinese, sia per estendere il dominio del mercato che per ottenere un vantaggio competitivo e di intelligence.

 

Alleanza politico-economica tra la Cina e le sue aziende per vincere la guerra del 5G

 

Sulla base delle fonti fornite alla fine di questo articolo, viene fornita una breve panoramica di queste aziende, dei loro legami con il governo cinese e dei benefici che ne derivano, soprattutto nel caso di Huawei, la più rappresentativa della tecnologia 5G al mondo oggi:

Huawei ha un ampio sostegno finanziario da parte del governo cinese e una storia di spionaggio industriale. Questa situazione le permette di offrire attrezzature competitive ad un prezzo ridotto.

1. La direzione di Huawei ha collegamenti con i servizi segreti cinesi.

2. Le reti di telecomunicazione di Huawei costano il 20-30% in meno rispetto ai prodotti della concorrenza. Ciò si riflette in un vantaggio significativo nell'offrire ai clienti stranieri i propri prodotti.

3. Huawei offre generose condizioni di locazione o di prestito per l'acquisto della sua tecnologia 5G grazie ai fondi del governo cinese a cui ha accesso.

4. Huawei ha programmi di ricerca per sviluppare alternative ai prodotti statunitensi.

Data la diffusione globale dei prodotti e dei servizi Huawei, l'Occidente deve preoccuparsi dei profondi legami che ha con Huawei e con il vasto tessuto commerciale cinese nel mondo.

È noto che le politiche industriali cinesi potrebbero rallentare il ritmo dell'innovazione globale. Ciò comporterebbe una distorsione del mercato da parte delle aziende cinesi, che sono quasi interamente sovvenzionate dal governo cinese per ridurre la quota di mercato e il reddito delle aziende occidentali.

Uno degli effetti immediati di questi sviluppi è l'incapacità delle aziende occidentali di pagare per gli stessi investimenti in ricerca e sviluppo che le aziende cinesi mantengono attualmente.

Sebbene quanto detto nella sezione precedente sia preoccupante per lo sviluppo del tessuto imprenditoriale dell'Occidente, la vera preoccupazione da tenere in considerazione nei confronti della Cina è la sua aggressività nel limitare l'intero mercato mondiale per il quale ricorre in larga misura allo spionaggio in tutti i suoi aspetti.

È un dato di fatto che lo spionaggio è stato utilizzato sia dai paesi occidentali che dalla Cina, ma gli alti livelli di attività di spionaggio della Cina verso il resto del mondo hanno raggiunto limiti mai visti dopo la guerra fredda.

Un esempio di questa conclusione è il possesso da parte della Cina di un programma di spionaggio sponsorizzato dallo Stato per acquisire tecnologia avanzata e accelerare la crescita dell'industria civile e militare cinese, e sebbene non sia l'unico paese che utilizza lo spionaggio economico, è ora il più aggressivo al mondo.

La rete di spionaggio cinese si avvale di una moltitudine di imprenditori cinesi e occidentali, nonché di funzionari e studenti di tutto il mondo.

Dalla sua sezione di spionaggio informatico, la Cina ha hackerato aziende in Germania, Regno Unito, Francia, Russia, Svezia, Norvegia, Belgio, India, Australia, Corea del Sud, Giappone e Canada.

Questo spionaggio è costato, secondo le stime, circa 40 miliardi di dollari all'anno, interessando tra i 100.000 e i 200.000 posti di lavoro (esclusa la tecnologia militare).

La realtà è che, sebbene la Cina appartenga all'OMC (Organizzazione Mondiale del Commercio), dove al suo ingresso si è impegnata a proteggere la proprietà intellettuale delle imprese straniere, ha ignorato il suo adempimento.

 

Conclusione

 

Oggi la Cina dipende dalle aziende occidentali per le tecnologie avanzate dei componenti 5G. Per questo motivo, è imperativo che l'Occidente crei un fronte comune e presti attenzione a contrastare lo sviluppo della Cina nel campo delle telecomunicazioni, in particolare quello relativo alla "Smart City-Public Security".

I servizi tecnologici cinesi legati al 5G sono già stati ripresi da molti Paesi africani e presto anche da uno europeo (Serbia), rallentando così il dominio occidentale di queste tecnologie nel medio-lungo periodo, oltre alle conseguenze commerciali e di spionaggio che questa situazione porterà nei prossimi decenni.

 

Fonti

 

https://www.lisainstitute.com/

https://www.foreignaffairs.com/

https://www.dw.com/en//

https://www.worldpoliticsreview.com

https://www.aspi.org.au/

https://cybersentinel.tech

https://www.tandfonline.com

https://www.csis.org/

https://www.csis.org/

https://www.csis.org/

https://www.cfr.org/

https://www.chinausfocus.com/

https://www.aspi.org.au/

https://haciaelespacio.aem.gob.mx

https://www.generatecnologias.es

 
by Janeth Kent Date: 11-06-2020 5G reti cybersecurity visite : 738  
 
Janeth Kent

Janeth Kent

Licenciada en Bellas Artes y programadora por pasión. Cuando tengo un rato retoco fotos, edito vídeos y diseño cosas. El resto del tiempo escribo en MA-NO WEB DESIGN END DEVELOPMENT.

 
 
 

Articoli correlati

Un microchip nel cervello? Per Elon Musk si può fare con Neuralink!

Sembra l'incipit di una puntata di Black Mirror, eppure è tutto vero. Potremmo essere pronti a quella che potrebbe persino definirsi una vera e propria evoluzione della razza umana secondo…

Come si vedrebbe il Wi-Fi se fosse visibile

Conviviamo quotidianamente con loro ma non le vediamo. Le onde wi-fi circondano quasi completamente l'ambiente nel quale viviamo. Uffici,case, bar, negozi...Ma come sarebbe il mondo se potessimo vedere le onde wi-fi? Potete…