Al via la terza edizione del bando Google che finanzia progetti innovativi di editori e professionisti dell’informazione

Al via la terza edizione del bando Google che finanzia progetti innovativi di editori e professionisti dell’informazione

 
 

Al via la terza edizione del bando Google per l’Innovation Fund della Digital News Initiative, che finanzia progetti innovativi di editori e professionisti dell’informazione digitale in tutta Europa.

Il Fondo per l’innovazione ha previsto risorse per 150 milioni in tre anni, di cui poco più di 50 sono già stati erogati con le prime due edizioni.

Destinatari del bando sono singoli giornalisti, enti e imprese in possesso dei seguenti requisiti:

    singoli partecipanti – residenza UE o paese EFTA, maggiore età, nessun legame con Google o con il progetto DNI;
    associazioni, università, enti non profit, partnership, imprese – registrate o con sede centrale o incorporate in organizzazioni in UE o EFTA.

I progetti devono essere in fase di pre-lancio, richiedere un finanziamento massimo di due anni, promuovere lo sviluppo del giornalismo online e della produzione di notizie (deve trattarsi di informazione, esclusi social media e piattaforme pubblicitaria), essere innovativi.

Se il progetto è collaborativo, coinvolgendo più professionisti o realtà, è classificato nel seguente modo:

    prorotipo: fino a 50mila euro;
    medio: fra 50mila e 300mila euro;
    grande: fra 300mila e 1 milione di euro.

Fino a 50mila euro, il finanziamento copre l’intera spesa, per importi superiori parte da 50mila euro e arriva fino a un importo pari alla cifra più bassa fra il 70% dei costi e il tetto massimo per la propria fascia (300mila o 1 milione). I progetti vengono valutati in base a impatto sul settore dell’informazione, portata innovativa e utilizzo di tecnologie, fattibilità.

Il supporto finanziario è solo uno dei tre pilastri su cui è costruita la Digital News Initiative: il progetto, infatti, si concentra anche sullo sviluppo di prodotto, attraverso un “product working group“, e su training e ricerca con investimenti per giornalisti e redazioni (es.: aggiornamento piattaforma Google Trends, fondi per computer assisted reporting, data driven insights).

Le domande, che possono essere inviate dal 2 marzo al 20 aprile 2017, riguardano il solo accesso alle risorse dell’Innovation Fund. Sulla pagine web dell’iniziativa è disponibile il form da compilare e inviare digitalmente. Possono ripresentare domanda anche quanti avevano fatto domanda nel 2015 e 2016.

 
 


Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. È possibile modificare le impostazioni dei cookie o ottenere ulteriori informazioni qui: Politica dei cookies.