Gli sviluppatori sono i nuovi direttori d'orchestra

Gli sviluppatori sono i nuovi direttori d'orchestra

Come si crea di più, costruendo di meno


 
 

da un aricolo di MATTHEW BAIER OCT 16, 2015

C'è una scena nel film su Steve Jobs in cui il cofondatore di Apple, Steve Wozniak, l'ingegnere geniale che ha lavorato sull' hardware e sul software dei primi computer Apple, in un confronto con Jobs chiede "What do you do?" - "Tu cosa fai?"

Il regista Aaron Sorkin romanza le risposte di Jobs: "I musicisti suonano i loro strumenti, io sono il direttore d'orchestra".

Di tutti i difetti del film di Sorkin, questo può essere il più grande. La metafora del creatore come direttore d'orchestra coglie nel segno, tuttavia paventa una dicotomia tra Woz, lo sviluppatore, e Jobs, lo "zar" del prodotto.

In realtà, gli sviluppatori stanno diventando sempre più simili che mai ai direttori d'orchestra. Ora si può aspirare a essere sia Woz che Jobs.

E si dovrebbe.

Let The Music Play

Steve Wozniak scrisse il software che rese popolare l'Apple in codice binario, che è un linguaggio di programmazione di prima generazione. Siamo ormai arrivati alla quinta generazione, tutto è costruito su livelli superiori di astrazione in modo da poter dedicare meno tempo alla meccanica del codice e più tempo ai problemi che vogliamo risolvere.

Allo stesso modo, abbiamo visto la nascita di ambienti di sviluppo integrati e strumenti di sviluppo drag-and-drop.

Gli ostacoli alla creazione di applicazioni ricche di funzionalità non sono più così invalicabili.

Di conseguenza, sempre meno gli sviluppatori realizzano applicazioni da zero. Questa tendenza è stata confermata durante l' API World 2015 , molte conferenze vertevano proprio su quest'argomento, attirando migliaia di sviluppatori ed alimentando una discussione attiva sul tema.

Gli sviluppatori non creano più applicazioni da zero, non nel senso tradizionale dl termine. Riprendendo l'analogia musicale del film, gli sviluppatori di oggi si comportano meno come Woz, che digitava pazientemente 1 e 0 per ore , e più come Jobs, mettendo insieme pezzi di software creati da altri in un insieme coerente.

Il ruolo di un direttore d'orchestra è, in sostanza, focalizzato sull'orchestrazione di "servizi" musicali ai quali hanno contribuito strumenti diversi. L'obiettivo è quello di assemblare tutti i singoli componenti musicali in un pacchetto che può essere apprezzato e consumato dal pubblico.

Ecco perchè è tanto emozionante per gli sviluppatori: spesso i direttori d'orchestra NON sanno suonare uno strumento, ma ciò non impedisce loro di prendere in giro una opera magna dei giocatori seduti davanti a loro. Allo stesso modo, gli sviluppatori possono creare un capolavoro sfruttando le competenze dei loro compagni virtuosi, rinunciando alla necessità di imparare e costruire ogni singola parte da zero.

Un mondo, tante applicazioni

Oggi gli sviluppatori si trovano di fronte a molte opzioni quando si tratta di scegliere i loro "strumenti" di lavoro: le onnipresenti REST API, micro-servizi componibili, backend BaaS, e molti altri.

Ovviamente gli sviluppatori non sono gli unici a beneficiarsi della nuova versatilità e flessibilità della programmazione. Le aziende possono sviluppare applicazioni molto più rapidamente e realizzare progetti tecnologici molto più ambiziosi, senza dover ingaggiare un esercito di esperti altamente qualificati.

Questo nuovo modo di comporre applicazioni, invece di costruirle, non è privo di sfide o difficoltà. Gli sviluppatori ereditano il mandato di esaminare da vicino la fonte dei componenti che hanno intenzione di integrare, pensando al tessuto connettivo e alle stesse modalità di integrazione.

La sicurezza e la scalabilità diventano un problema fondamentale, visto che i dati in gioco attraversano più sistemi e che la prestazione generale di un`applicazione può dipendere da diversi servizi offerti da terze parti e dalla reattività delle loro API.

Per chi si imbarca nello sviluppo di un software per le imprese, questo approccio innescherà domande e dubbi relativi all' acqusizione delle risorse necessarie ed al supporto, per non parlare della necessità di garantire che le restrizioni e le politiche legali siano rispettate dalle diverse parti in gioco. (e qui il direttore d'orchestra Jobs, potrebbe frustrarsi...).

Tuttavia, una volta terminata questa fase, gli strumenti giusti ,combinati con un'architttura flessibile possono determinare il futuro dell'app e dello sviluppatore.

Questo perchè a differenza di un monolitico programma fatto a mano, le moderne applicazioni consentono, grazie all'assemblaggio di servizi autonomi, di aggiornare facilmente i singoli componenti, migliorando l'intero sistema.

I software ibridi non sono una novità, ma ora sembra che stiano andando per la maggiore.

Le grandi aziende e start-up stanno cercando di sfruttare i nuovi servizi e funzionalità affidandosi non più solo a specialisti altamente qualificati.

Domani, più ricercatori o sviluppatori potrebbero trasformasi in direttori d'orchestra in grado di comporre un sinfonia-applicazione, utilizzando software che non hanno inventato e codice che non hanno scritto.

Per questo, si ha bisogno di qualcuno che fonda la parte migliore di Woz con quella di Jobs.

 
 

tags: sviluppatori jobs wozniak applicazioni software


Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. È possibile modificare le impostazioni dei cookie o ottenere ulteriori informazioni qui: Politica dei cookies.